Cronaca

Gli appalti della Marina Militare nel mirino della magistratura da due anni

Il primo arresto eseguito nell’ufficio del comandante La Gioia


Da un paio di anni il sistema degli appalti a Maricommi è nel mirino. della magistratura.

Scoperchiato dal pm Carbone il cosiddetto “sistema dieci per cento”, una tangente su ogni commessa. Chi non pagava la mazzetta vedeva la sua azienda tagliata fuori. La denuncia di un imprenditore ha fatto esplodere il caso con il racconto di tangenti pagate per anni, per un valore di circa 150.000 euro, con l’obiettivo di mantenere l’appalto per lo smaltimento delle acque di sentina delle navi militari. In trappola è finito il capitano di fregata Roberto La Gioia, l’allora comandante del Quinto Reparto di Maricommi. Preso nel suo ufficio, dai carabinieri, dopo aver intascato una mazzetta da duemila euro.

Le successive perquisizioni consentirono di scovare circa 44.000 euro, e soprattutto alcune pendrive dove era registrata la contabilità occulta e la lista delle imprese che pagavano mazzette. A marzo la procura ha chiuso le indagini sul presunto giro che aveva nella base navale di Chiapparo il proprio centro. In undici rispondono di concussione: alti ufficiali come Fabrizio Germani, ex direttore di Maricommi; gli ex vicedirettori Marco Boccadamo, Giuseppe Coroneo e Riccardo Di Donna; gli ex comandanti del 4° e 5° Reparto della base Roberto La Gioia, Giovanni Cusmano, Alessandro Dore e Giovanni Caso; Attilio Vecchi, l’alto ufficiale che allo Stato maggiore di Roma si occupava di garantire i fondi per le forniture destinate alla flotta di stanza a Taranto; il capo deposito Antonio Summa e un dipendente civile della base, Leandro De Benedectis.

Il “sistema” avrebbe funzionato nei reparti che si occupano dell’acquisto di carburanti, beni, servizi, lavori e convenzioni con professionisti esterni. A metà settembre in carcere sono finiti il capitano di vascello Giovanni Di Guardo, il tenente di vascello Francesca Mola e Vincenzo Pastore, imprenditore ed ex sindaco di Roccaforzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche