21 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Settembre 2021 alle 18:53:00

Cronaca

Sbarcati altri 900 migranti

Polemica sui capannoni dell’hotspot coperti da polvere minerale


TARANTO – Sono sbarcati stamattina altri 905 migranti al porto mercantile

Sono giunti nel capoluogo ionico a bordo di una nave militare spagnola “Reina Sofia”, che approda a Taranto per la seconda volta. Già il mese scorso, trasportò circa 700 profughi.

Il sistema di accoglienza, coordinato dalla Prefettura, al lavoro da questa mattina. I 905 migranti, prevalentemente uomini provenienti dall’Africa subsahariana  verranno identificati nell’hotspot allestito al porto. 

Ci sono anche numerosi bambini accompagnati. 

Le condizioni di salute dei migranti sarebbero discrete. Intanto ieri la denuncia di Campagna Welcome Taranto sull’hotspot.

“Tra i diritti negati anche quello di respirare. I capannoni in cui sono identificati ed ospitati i migranti, in pochissimi mesi, si sono “colorati” di polvere di minerale” -si legge in una nota dell’associazione- “Anche se per un periodo breve ci chiediamo se le condizioni di permanenza dei migranti siano consoni ai parametri che assicurano i diritti dell’uomo – sottolinea Campagna Welcome Taranto -oltre alle poco chiare procedure per le richieste di asilo ci chiediamo se sono assicurate le norme igienico sanitarie in virtù della presenza di materie prime che nello stesso porto vengono scaricate dalle navi per poi essere veicolate nella zona industriale e se in virtù di queste norme vengono prese in considerazione le conseguenze da esposizione ad agenti inquinanti come il particolato di minerali.

Prova evidente, come si nota dalle fotografie scattate a giugno, è la struttura dello stesso hotspot che viene ricoperta dai minerali che a sua volta si posa sulle parti superiori delle tensostrutture. 

Sono evidenti le colorazioni rossastre a differenza delle parti verticali della struttura che rimangono bianche”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche