27 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Gennaio 2021 alle 15:19:23

Cronaca

Una donna di 35 anni picchiata e seviziata con una lametta

Arrestato il convivente


Seviziava la compagna con una lametta.

La Polizia di Stato ha arrestato un 38enne di origine rumena. Intorno alle 18 di ieri gli agenti delle Volanti sono intervenuti in una abitazione ubicata nel centro cittadino, dove era stata segnalata una violenta lite in famiglia. Giunti sul posto sono stati contattati da una donna di nazionalità rumena di 35 anni che, in evidente stato di agitazione ed in preda ad una crisi di pianto, chiedeva il loro aiuto. La 35enne si era rifugiata in casa di una vicina dopo l’ennesima violenza del suo convivente, un connazionale di 38 anni. Dopo essere stata rassicurata dai poliziotti è stata accompagnata negli uffici della questura.

Dal racconto della vittima è emerso che la malcapitata era sottoposta da circa sei mesi a continue violenza fisiche e psichiche da un uomo che aveva conosciuto nel dicembre del 2015 e con il quale dopo breve tempo era andata a convivere. Almeno cinque gli episodi di estrema violenza raccontati dalla 35enne agli investigatori, tra i quali anche quello di aver subito con una lametta l’incisione del nome del compagno sul petto. Dopo aver raccolto le testimonianze della donna i poliziotti hanno proceduto all’arresto dell’uomo che, già in precedenza era stato fermato e identificato. Al momento dell’arresto il 38enne rumeno, accusato anche di violenza sessuale, era ancora in evidente stato di ubriachezza.

La donna è stata poi condotta in una struttura protetta. Dopo alcune ore, intorno alla mezzanotte , gli agenti della Volante hanno eseguito un altro intervento per una lite in famiglia. Una donna di 28 anni ha denunciato l’ennesima violenza subita dal suo convivente.L’uomo, un tarantino di 25 anni, ubriaco, l’aveva percossa dopo un diverbio scoppiato per futili motivi, per poi allontanarsi. L’appartamento era a soqquadro e la porta del bagno danneggiata da un pugno sferrato dal giovane quando la sua convivente si era rifugiata in bagno. Il 25enne ancora in stato di ubriachezza ha tentato anche di aggredire anche i polizotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche