Cronaca

Morto in casa: vittima di “Caronte”


TARANTO – Lo hanno trovato morto in casa, questa mattina. E a scatenare l’infarto che ha stroncato un uomo di sessantanove anni avrebbe contribuito anche l’ondata di caldo record che sta caratterizzando queste giornate. Stando a quanto si è appreso, il sessantanovenne era in sovrappeso e soffriva per alcune patologie cardiache. Insomma, un ‘soggetto a rischio’ che rientrava nella tipologia delle persone per le quali l’ondata di caldo può portare i maggiori rischi. L’allarme è scattato stamattina, da parte di un conoscente dell’uomo che lo attendeva al bar.

Non vedendolo arrivare, ha allertato i carabinieri che sono arrivati a casa del malcapitato, in pieno centro, insieme ai vigili del fuoco. Non c’erano segni di effrazione all’ingresso o di violenza sul corpo. Sul posto anche il medico legale, dottor Massimo Sarcinella, per l’ispezione cadaverica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche