28 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 28 Ottobre 2020 alle 11:48:46

Cronaca

Operazione verità per l’Amiu

Lo scontro fra Amministrazione comunale e lavoratori


Lo scontro sull’Amiu è arrivato probabilmente ad un punto di non ritorno. La spaccatura tra lavoratori e amministrazione comunale forse non ha precedenti. C’è una guerra sotterranea che si sta combattendo e stretta tra questi due fuochi si trova la città, sempre più sporca e inospitale. È la città che paga il prezzo di questa frattura che si è fatta sempre più violenta negli ultimi mesi.
Sulla produttività degli operatori dell’Amiu – detto in generale con le debite eccezioni –  ci sarebbe molto da discutere, così come ci sarebbe da discutere sulle modalità di assunzione, sull’attribuzione del lavoro straordinario, su certi avanzamenti di carriera. Ma scagliarsi oggi contro gli operatori e scaricare su di essi le inefficienze croniche dell’azienda è come guardare il dito invece che la luna.
Oggi l’Amiu, travolta dalle sue gravissime difficoltà finanziarie, è un’azienda che appare fuori controllo. Il problema è antico, ma dieci anni di amministrazione Stefàno non sono riusciti a dare un assetto stabile a questa società che, ricordiamolo, è interamente di proprietà comunale. Questo significa che a pagare i disastri aziendali erano e restano i cittadini.
I vertiginosi cambi del consiglio di amministrazione, la pletora di consulenti esterni che in alcuni casi sembrano avere un potere di fatto superiore a quello degli stessi amministratori,  non solo non hanno portato benefici ma hanno addirittura peggiorato lo stato comatoso in cui versa l’azienda. Lo scontro di queste settimane è solo l’ultimo effetto dello sfascio al quale l’Amiu è stata condotta nel corso del tempo. Su questa azienda andrebbe fatta un’operazione verità. Ma per farla ci vorrebbero forza e coraggio politico finora mancati. Oppure ci vorrebbe un intervento esterno. Sempre che si abbia davvero voglia di vederci chiaro e di fare pulizia.  In tutti i sensi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche