Cronaca

Appalto per il parcheggio, la Filca chiama il Prefetto

Lavori in zona Croce, il caso Italstrade: Verificare la corretta esecuzione


«Il Comune di Taranto verifichi la corretta esecuzione dell’appalto in località Croce». E’ quanto chiede la Filca Cisl di Taranto che, nei giorni scorsi, ha segnalato al prefetto Umberto Guidato e al sindaco di Taranto, Ippazio Stefàno «la paradossale situazione di cui sono vittime incolpevoli 19 lavoratori edili, già dipendenti dell’Impresa Italstrade srl aggiudicataria di un appalto del Comune capoluogo e costretti a licenziarsi per giusta causa, non avendo percepito per otto lunghi mesi il salario, al netto di un acconto di circa il 50 per cento erogato loro lo scorso agosto».

L’appalto concerne la realizzazione, in località Croce, di un sistema integrato di linee veloci, riservato al trasporto pubblico urbano e di parcheggi di scambio ad essi connessi, «Il paradosso – spiegano dalla Filca Cisl di Taranto – consiste nell’attuale prosecuzione dei lavori che la stessa Italstrade srl, senza preventiva informazione al Comune, ha subappaltato ad una ditta imprecisata che opera con un numero di dipendenti imprecisato. Appare evidente l’anomalia di tali procedure e l’aggravante che si tratta di una committenza pubblica, in un territorio in cui la crisi occupazionale è notevole e dove l’legalità e la trasparenza deve caratterizzare sempre il sistema degli appalti, scongiurando il ricorso al massimo ribasso a garanzia della qualità dell’opera realizzata e della salute e sicurezza dei lavoratori impiegati».

La Filca Cisl di Taranto ritiene, quindi, che «la prefettura, stessa stazione appaltante, ovvero il Comune e gli Enti territoriali di controllo intervengano per verificare, nel caso rilevato, eventuali difformità concernenti l’applicazione delle leggi e del contratto collettivo di lavoro».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche