21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 15:24:44

Cronaca

Sequestrato un cantiere edile, denunciate due persone

Violate le norme sulla sicurezza del lavoro e quelle sullo smaltimento dei rifiuti


Al termine di complessi accertamenti, i militari della Compagnia di Martina Franca, con il supporto di personale del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Taranto e del Corpo Forestale dello Stato di Martina Franca, hanno sottoposto a sequestro un cantiere edile, denunciando due persone.

I Carabinieri, durante le attività di perlustrazione del territorio, hanno notato in località Giuliani dell’agro martinese un cantiere edile.

A seguito dell’attività ispettiva, i militari hanno riscontrato che erano in atto scavi non autorizzati, a seguito dei quali si era determinato l’accumularsi di rifiuti, in particolare terra e roccia, accatastati in violazione delle norme previste per il loro smaltimento.

A questo punto è scattata la denuncia in stato di libertà per la proprietaria del fondo sul quale insiste il cantiere, nonché nei confronti dell'amministratrice unica della ditta immobiliare che aveva commissionato i lavori.

Ma i guai per le due donne non sono finiti quì. Sotto il profilo della sicurezza sui luoghi di lavoro, sono state riscontrate diverse violazioni di natura amministrativa e penale. In particolare, a carico della proprietaria del fondo e titolare della ditta committente è stata contestata l’omessa predisposizione del piano operativo di sicurezza con contestuale irrogazione di un’ammenda pari a 6.400 euro.

Contestata anche l’omessa recinzione del cantiere, l’omessa consegna ai lavoratori delle tessere di riconoscimento e l’utilizzo di scale mobili non idonee, con sanzioni pecuniarie ammontanti complessivamente ad 11.000 euro.

Per queste ragioni, i Carabinieri, unitamente agli altri reparti intervenuti, hanno provveduto a sottoporre al vincolo del sequestro preventivo l’intero cantiere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche