15 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 15 Aprile 2021 alle 16:13:34

Cronaca

Voucher, la nuova norma: «Almeno un’ora prima»

Confartigianato spiega il decreto correttivo del Jobs Act


Il decreto correttivo del Jobs Act ha modificato le modalità operative della comunicazione per il lavoro accessorio.

Le nuove disposizioni del D.Lgs. 24 settembre 2016, n. 185 sono entrate in vigore lo scorso 8 ottobre 2016. La Confartigianato di Taranto, in una nota, spiega i principali punti della norma. «La comunicazione del lavoro accessorio va effettuata almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione tramite sms o posta elettronica alla sede territoriale competente dell’Ispettorato nazionale del lavoro. Sono stati previsti nuovi elementi da indicare nella comunicazione: oltre ai dati anagrafici ed al codice fiscale, gli imprenditori devono indicare il luogo, il giorno e l’ora di inizio e di fine della prestazione. Nessuna modifica per i committenti non imprenditori o professionisti mentre gli imprenditori agricoli, invece, sono tenuti a comunicare il luogo e la durata della prestazione con riferimento ad un arco temporale non superiore a 3 giorni.

È stata introdotta anche la previsione di una specifica sanzione (da euro 400 ad euro 2.400) in relazione a ciascun lavoratore per cui è stata omessa la comunicazione. Imprenditori (non agricoli) e professionisti: la comunicazione in questione va effettuata all’Ispettorato almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione e deve riguardare ogni singolo lavoratore che sarà impegnato in prestazioni di lavoro accessorio. Imprenditori agricoli: la comunicazione va effettuata entro lo stesso termine (60 minuti prima della prestazione) ma con contenuti in parte differenti. Almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione, il committente imprenditore o professionista deve inviare una e-mail (la circolare non fa alcun riferimento alla pec) alla competente Direzione del lavoro.

Le e-mail vanno inviate prive di qualsiasi allegato e devono riportare i dati del committente (almeno codice fiscale e ragione sociale, da riportare anche nell’oggetto della e-mail) e quelli relativi alla prestazione di lavoro accessorio di cui sopra (dati anagrafici del lavoratore, luogo della prestazione ecc.): è importante, per maggior sicurezza ai fini della prova, e anche per semplificare l’attività ispettiva, conservare copia delle e-mail spedite. La violazione dell’obbligo di comunicazione in argomento comporta l’applicazione della sanzione amministrativa da 400 a 2.400 euro per ogni lavoratore per cui essa è stata omessa, senza possibilità di avvalersi della procedura di diffida».

Nella provincia di Taranto l’utilizzo del Voucher è abbastanza diffuso. «Ricordiamo innanzitutto che le prestazioni di lavoro accessorio sono le attività lavorative di natura occasionale che possono essere retribuite con i cosiddetti Voucher Lavoro per un totale massimo di 7.000 euro (netti per il lavoratore) nel corso di un anno solare (annualmente rivalutati), con riferimento a tutti i datori di lavoro. Ma attenzione : il limite di retribuzione tramite voucher che ogni lavoratore può ricevere da un impresa commerciale o da professionista, è di 2 mila euro netti. Il limite di compensi per i soggetti percettori di indennità di mobilità o cassa integrazione nel 2016 è invece pari a 3mila euro».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche