Cronaca

Commercianti allo stremo: «Senza noi chiude l’intera città»

Confcommercio: «In 5 anni chiuse 2.636 imprese»


«Se chiudiamo Taranto chiude». Il grido dei commercianti di Taranto è di dolore e di rabbia.

«2636 imprese del terziario chiuse in 5 anni, sono una drammatica realtà di cui istituzioni e politica sembrano non rendersene conto. Una dolorosa sequenza di negozi chiusi – la media è di due attività al giorno – caratterizza molte vie della città. Il turnover non compensa le perdite, il saldo è comunque negativo – 737». Le categorie del commercio, dei servizi e del turismo della Confcommercio, presieduta da Leonardo Giangrande sollecitano l’Amministrazione comunale, il Consiglio, le forze politiche e le istituzioni regionali e dello Stato ad intervenire per «contenere la deriva sociale ed economica del capoluogo tarantino».

Una situazione di grave crisi economica che «richiederebbe da parte dell’Amministrazione comunale di Taranto – dicono da Confcommercio – capacità di pianificazione dei programmi di sviluppo economico e maggiore determinazione nell’azione di governo del territorio. In questi anni è venuta meno la capacità di individuazione degli obiettivi nella impostazione delle politiche amministrative, che superasse le incertezze e i tentennamenti che hanno sempre caratterizzato l’azione amministrativa del Comune di Taranto». In queste ore partirà una raccolta firme a sostegno del documento di denuncia “Vertenza Taranto Commercio”. E’ stata inoltre avviata una compagna di comunicazione per informare la città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche