Cronaca

Al via gli interrogatori degli arrestati per droga

Sono coinvolti nell'inchiesta che ha portato al blitz "Fiumicello"


Nelle prossime ore gli interrogatori degli arrestati nel blitz antidroga “Fiumicello”.

Si tratta di sedici presunti pusher che operavano tra Laterza, Ginosa, Ginosa Marina e Castellaneta. Dieci sono finiti in carcere e sei agli arresti domiciliari. Un 26enne è sfuggito all’arresto. Le indagini avviate nel 2014 quando i carabinieri di Marina di Ginosa hanno arrestato un ragazzo sorpreso a cedere una piccola quantità di hashish. Grazie a intercettazioni ambientali e telefoniche hanno identificato i componenti dei tre gruppi di presunti spacciatori che hanno un’età media di 23 anni.

A Laterza operava un gruppo composto dal 26enne ricercato e da Nicola Carenza, Giuseppe Cirielli, Alessio Acito, Roberto De Biasi e Giovanni Sorino. Nel gruppo di Ginosa, dedito allo spaccio di droghe “leggere”, una posizione di rilievo viene attribuita a Davide Giannini. Nel gruppo ginosino anche Rosario Madio, Michele Daffredo, Pierluigi Donno. Del gruppo di Marina di Ginosa il personaggio maggiormente rappresentativo è ritenuto Giuseppe Renna, 38enne che in un primo momento si riforniva dal gruppo laertino e che poi si è rivolto a Nicola Schiavarelli, altamurano che vendeva cocaina.

Tra i collaboratori di Renna, figurano Mirko Susca e Valerio Catapano, accusato di spaccio di cocaina, hashish e marijuana. Fra i collaboratori di Renna anche Giuseppe Palmisano. Attivo a Marina di Ginosa nello spaccio di coca e hashish anche Giovanni De Luca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche