Cronaca

Rifiuti, a processo vertici di Cementir

Lo ha deciso il Gup del tribunale di Taranto


A giudizio i vertici della Cementir per lo smaltimento dei rifiuti dell’Ilva.

Lo ha deciso il gup del tribunale di Taranto che ha fissato l’inizio del processo per il prossimo 7 marzo. Il rinvio a giudizio è stato chiesto dal pm Lanfranco Marazia per un dirigente che all’epoca dei fatti era legale rappresentante della “Cementir Italia spa” e per altri tre che ricoprivano il ruolo, rispettivamente, di direttore e direttori tecnici dello stabilimento tarantino. Sono accusati di aver realizzato e gestito le aree dove venivano stoccati i rifiuti ma anche di truffa, poiché avrebbero presentato una richiesta di autorizzazione integrata ambientale depositando “documentazione attestante fatti non veritieri sui quantitativi di rifiuti in possesso dell’azienda e nell’omettere informazioni doverose sui siti su cui giacevano gli stessi all’interno del perimetro dell’opificio industriale “Cementir” sede di Taranto”.

Il gup ha rinviato a giudizio anche la stessa Cementir Italia spa come richiesto dal pm Lanfranco Marazia poichè il reato di truffa e sarebbe stato commesso nell’interesse o comunque a vantaggio dell’ente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche