23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 17:54:14

Cronaca

Rilanciare l’economia con le piccole imprese

«Novantuno proposte per dare nuova occupazione. Forte segnale di vitalità»


La performance delle piccole imprese, presentata con soddisfazione recentemente dalla Provincia di Taranto, induce gli operatori e i rappresentanti del mondo economico del territorio ad alcune considerazioni.

Preliminarmente occorre dire che essa rappresenta un segnale forte di coraggiosa presenza e di speranza del tessuto economico più rilevante – e forse politicamente più trascurato – del nostro territorio: la piccola impresa. Novantuno proposte, si badi bene corredate da relativi piani aziendali e quindi concrete, per dare nuova occupazione richiedono circa 4 milioni di euro ciascuna, complessivamente quindi 400 milioni di euro, dando un forte segnale di vitalità in un territorio alquanto appassito e demotivato. Tutto questo grazie a un lavoro di animazione fatto dalla Provincia con encomiabile sobrietà istituzionale, senza sgomitare sugli organi di informazione e senza indulgere in sterili protagonismi individuali.

Anni addietro la Presidenza Papalia della Camera di Commercio puntò sulle piccole imprese mettendole al centro della propria azione istituzionale. Molto realisticamente venne abbandonata la strada del contratto d’area, che improbabilmente avrebbe dovuto fermare la disoccupazione nelle aree siderurgiche, e si dette vita ai Patti territoriali che invece miravano a creare nuova occupazione.

La scelta dell’agroindustria fu strategica perché dette slancio alla valorizzazione delle produzioni vitivinicole tarantine di qualità che ancora adesso presentano un andamento favorevole: se oggi esistono pregevoli vini tarantini ovunque apprezzati, le ragioni vanno trovate anche in quelle scelte effettuate anni addietro dalla Camera di Commercio in sintonia e collaborazione con tutti gli attori del territorio. L’aspettativa, e in parte la necessità di grandi interventi, ci fanno adesso ovviamente pensare alle grandi imprese che però accontentano il territorio con un po’ di occupazione, portano via il valore aggiunto e, spesso, lasciano molti guai visibili e tanti, purtroppo, occulti. Occorre rammentare che il nostro tessuto imprenditoriale è estremamente diversificato ed è necessario agevolarne il funzionamento, senza trascurare il dato che oltre il 55% della nostra economia è costituito proprio dalle piccole imprese.

Assistiamo a numerosissimi fermenti a sostegno dell’ambiente, della cultura, dell’agricoltura, del turismo, tutti suscettibili di valorizzazione economica che però, pur in presenza di sostegno dello Stato e della Regione, rischiano di rimanere voci nel deserto. Le piccole imprese che si sono raccordate alla Provincia ci dicono anche che sono pronte a fare la loro parte, muovendosi nella direzione opportuna. Siamo orfani di un ruolo guida che invece di difendere lo stato di fatto ci aiuti a voltare pagina prendendo atto in modo pragmatico che un’epoca è finita e che tanti nuovi segnali vanno incoraggiati pena la loro dispersione e il naufragio della speranza di una nuova epoca per la nostra Città. Manca, ed è necessario ritrovarla, una sinergia d’intenti e di azioni che tutti i riferimenti locali avrebbero il dovere di perseguire affinché queste piccole imprese possano trovare nel territorio le condizioni minime necessarie per svilupparsi e concorrere a creare ricchezza e occupazione.

Carlo Martello
Presidente Confcooperative Taranto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche