14 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Aprile 2021 alle 06:52:44

Cronaca

Ilva, i sindacati chiamano la politica: sveglia!


TARANTO – Anche le organizzazioni sindacali chiedono alla politica un intervento tempestivo per risolvere la situazione di impasse che sta tenendo con il fiato sospeso migliaia di lavoratori dell’Ilva di Taranto. In una nota a firma dei segretari generali D’Isabella (Cgil), Fumarola (Cisl), Turi (Uil), e dei rappresentanti sindacali di categoria Stefanelli (Fiom), Panarelli (Fim) e Talò (Uilm) la richiesta finalizzata a riconvocare il tavolo istituzionale alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. “Le segreterie confederali di Taranto unitamente alle Federazioni dei metalmeccanici di concerto con le rispettive rsu, si sono riunite per fare il punto sul percorso attivato sin dai mesi scorsi relativo alle problematiche del rapporto Lavoro, Ambiente e Salute che interessano lo stabilimento Ilva di Taranto – si legge nella nota.

Questo, in considerazione anche delle ripetute manifestazioni di preoccupazione da parte dei lavoratori all’interno dello stesso stabilimento, per effetto di eventuali provvedimenti che la Magistratura starebbe per assumere”. Le segreterie, precisano, “come più volte fatto in passato, quanto sia importante proseguire il processo di ambientalizzazione già avviato e valutano positivamente il recente avvio delle opere di barrieramento finalizzato al contenimento delle polveri, come previsto dall’Aia”. “Ribadiamo la convinzione che, per avanzare nel processo di ambientalizzazione, sia possibile procedere in continuità della marcia operativa degli impianti come già avvenuto in occasione dell’adeguamento alle prescrizioni impartite dalla legge regionale sulla diossina. Per queste ragioni riteniamo urgente risollecitare la convocazione del Tavolo Istituzionale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri fortemente voluto dalle organizzazioni sindacali e dalle Istituzioni locali”. “Ricordiamo come al Tavolo, insediatosi il 17 aprile scorso, il Presidente del Consiglio Monti dichiarò la strategicità dello stabilimento Ilva di Taranto per l’economia dell’intero Paese”. Le segreterie, infine, considerano necessario “il coinvolgimento delle Istituzioni (Regione, Provincia, Comune) ai massimi livelli, nonché della proprietà dell’Ilva – alla quale abbiamo già chiesto un incontro urgente – al fine di gestire al meglio questa fase delicata salvaguardando le migliaia di posti di lavoro dell’Ilva e del suo indotto, fondamentali per l’economia del territorio e per la sua coesione sociale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche