22 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Aprile 2021 alle 15:06:21

Cronaca

Mafia, 4 arresti. Preso anche il boss Putignano


TARANTO – Decapitata la mala di Palagiano e nella rete è finito uno degli elementi di spicco della criminalità locale, Carmelo Putignano. Quattro arresti nella operazione “Artemide”, condotta dai carabinieri della Compagnia di Massafra e coordinata dalla DDA di Lecce. I militari dell’Arma la scorsa notte hanno preso anche il 35enne Vito Sportelli, il 34enne Nicola Di Tella e il 48enne Giuseppe Casulli. Referenti per Palagiano del gruppo sgominato dai militari dell’Arma erano anche Domenico Attorre e Domenico Petruzzelli, uccisi in un agguato, nel maggio dello scorso anno.

L’operazione è stata illustrata nel corso di una conferenza stampa tenuta stamattina presso il Comando provinciale dei carabinieri dal procuratore antimafia Cataldo Motta, dal sostituto procuratore antimafia, Alessio Coccioli, dal procuratore capo del Tribunale di Taranto, Franco Sebastio, dal comandante della Compagnia di Massafra, capitano Fabio Bianco e dal suo vice, tenente Giuseppe Beltempo. Secondo l’accusa il gruppo si sarebbe servito anche di Sportelli, Di Tella e Casulli che proprio un anno fa erano finiti in manette per una estorsione ad un imprenditore di Palagiano. Gli avevano imposto un “pizzo” da 10mila euro in cambio di protezione. La vittima non cedendo ai ricatti aveva denunciato tutto a polizia e carabinieri i quali si erano attivati per rintracciare gli estortori. I tre avevano dato appuntamento all’imprenditore in una stazione di servizio per poter intascare i 10mila euro e mentre Sportelli aveva iniziato le contrattazioni con la vittima, Di Tella e Casulli avevano agito da “pali”. Due erano stati presi subito, un terzo era stato rintracciato successivamente ed arrestato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche