21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 15:24:44

Cronaca

Ecco come sarà il molo S. Eligio

Domenica la presentazione al Castello Aragonese


Potenziamento e riqualificazione funzionale del molo Sant’Eligio.

E’ il progetto che sarà presentato domenica, alle ore 10 al Castello Aragonese, dall’associazione temporanea di imprese “Gap Marine” L’obiettivo primario del progetto realizzato dall’Ati, cui partecipano Gap Energy Italia 1 srl e, con quote, la Jonian Dolphin Conservation e la scuola Onda Buena, è quello di «creare, mediante il potenziamento dell’infrastrutture attuali del molo Sant’Eligio, una struttura ricettiva accogliente, efficiente e attrattiva, in grado di ospitare, al meglio, dalla piccola imbarcazione da diporto al megayacht. Il Molo Sant’Eligio rappresenterà così, anche in relazione alla sua vicinanza con il punto di ormeggio delle navi da crociera nel Porto mercantile, la base ideale per tutte le attività connesse al turismo sul mare, come il servizio di voli turistici e i collegamenti aerei con il basso Salento e la Grecia operati con idrovolanti.

Parimenti potranno essere ospitate al Molo Sant’Eligio tutte le attività sportive e professionali legate al mare, come le scuole di vela o quelle per il conseguimento delle patenti nautiche, nonché la struttura rappresenterà la location ideale per manifestazioni legate alla cultura del mare e all’arte marinaresca. Dopo oltre tre anni in cui è stato completato l’iter amministrativo e autorizzativo – si legge in una nota – ora il progetto di “Potenziamento e riqualificazione funzionale del Molo Sant’Eligio” entra nella fase realizzativa che, con l’inizio dei lavori già nell’immediato futuro, prevede in tempi brevi il completamento delle opere a mare, in modo da renderle disponibili per l’utenza già nella prossima stagione estiva: esse comprendono l’ampliamento dei pontili galleggianti, con 360 metri di frangionda e oltre due chilometri di pontili, per complessivi 410 “posti barca”.

Inoltre il progetto prevede, nel pieno rispetto della legislazione ambientale, l’adeguamento dell’impianto di captazione delle acque meteoriche, nonché il moderno e funzionale allestimento delle aree di servizio, anch’esse dotate di tutte le predisposizioni per il contenimento e la depurazione di polveri e scarichi a mare, e il ripristino e l’adeguamento dell’impianto elettrico che renderà l’infrastruttura quasi autosufficiente dal punto di vista energetico». Gap Marine presenterà il suo progetto nel convegno “Molo Sant’Eligio Taranto: quando la Nautica diventa Futuro” che, come detto, si terrà domenica al castello Aragonese a partire dalle 10. Nell’occasione, inoltre, la società di capitali Consorzio “Mari di Taranto” presenterà la propria candidatura, ed interesse, per un progetto promosso circa trent’anni addietro dall’Amministrazione Comunale di Taranto, riconosciuto dall’Inu come progetto di pianificazione di estremo interesse per il rilancio economico e ambientale, e ripreso ultimamente nel Piano Strategico della Provincia di Taranto nell’ambito del Cis.

I lavori del convegno saranno aperti dai saluti del sindaco Ippazio Stefano, dell’Ammiraglio di Squadra Eduardo Serra, Comandante Comando Marittimo Sud, e di Gaia Melpignano, direttrice Molo Sant’Eligio. In seguito, moderati da Francesco Giorgino, giornalista Rai, interverranno sul tema Sergio Prete, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio, il C.V. Claudio Durante, Comandante Capitaneria di Porto di Taranto, Vera Corbelli, Commissario Straordinario per le Bonifiche, Walter Baldacconi, Direttore responsabile Studio100TV, Giuseppe Danese, Presidente Distretto Regionale della Nautica – Puglia, Giovanni Azzaro, Vicepresidente della Provincia di Taranto, e Antonio Melpignano, Presidente Molo Sant’Eligio. Le conclusioni saranno affidate a Carlo Capria, Presidenza del Consiglio dei Ministri – Coordinamento degli Incentivi alle Imprese del Ministero delle Attività Produttive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche