18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 14:47:29

Cronaca

Maxi truffa delle assicurazioni, il 46enne non parla

Secondo l'accusa avrebbe raggirato ben 200 automobilisti


Non ha risposto alle domande del gip il falso agente assicurativo che avrebbe truffato ben 200 automobilisti. Il qurantaseienne G. M., difeso dagli avvocato Fabrizio Lamanna e Luigi Palmieri si è avvalso della facoltà di non rispondere.

E’ stato arrestato dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Massafra e dai loro colleghi della Stazione di Mottola. L’uomo è ritenuto responsabile con alcuni complici di associazione a delinquere finalizzata alle truffe ai danni di 200 automobilisti e di diverse compagnie assicurative. Le indagini sono iniziate dopo un esposto nel quale veniva indicato che l’uomo, con la complicità di alcuni familiari, aveva emesso centinaia di polizze assicurative fasulle.

Secondo l’accusa il 46enne, che era privo di alcuna autorizzazione all’esercizio di attività di intermediazione assicurativa, dopo aver procacciato clienti, falsificando i dati di residenza delle vittime e la loro appartenenza ad associazioni o enti pubblici convenzionati con le stesse compagnie assicurative, avrebbe stipulato polizze rcauto con prezzi vantaggiosi, versando alle compagnie somme nettamente inferiori a quelle che aveva riscosso dagli assicurati e trattenendo illecitamente per sé la differenza. Sono state poi sentiti i 200 automobilisti truffati i quali hanno sporto denuncia. Durante le perquisizioni domiciliari eseguite sia nella sede dell’agenzia di assicurazioni che nella sua abitazione, i militari hanno sequestrato documentazione, computer e supporti informatici nonché la somma in denaro pari a 90.000 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche