27 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Luglio 2021 alle 16:59:00

Cronaca

Avviso pubblico “lampo”, solo 10 giorni di tempo

Gli architetti al Comune: «Rivedere il termine ultimo di presentazione delle candidature»


«I dieci giorni concessi per la presentazione delle candidature sono assolutamente da considerarsi risibili e non adeguati a quanto richiesto nell’avviso pubblico». E’ quanto rilevano il presidente dell’Ordine degli Architetti di Taranto, Massimo Prontera, ed il segretario dello stesso Ordine, Domenico Palmisano, in riferimento alla “Selezione di partner privati per l’elaborazione condivisa della progettazione e gestione di attività direttte ad incentivare la mobilità sostenibile nell’ambito del programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile nel tragitto casa-scuola, casa-lavoro e sistemi di mobilità intelligente, elettrica e condivisa”.

In una lettera, invitata al dirigente della Polizia Locale, Michele Matichecchia, e per conoscenza al sindaco Stefàno, gli architetti tarantini spiegano che sono venuti a conoscenza «solo indirettamente della procedura in atto (nonostante i ripetuti inviti rivolti all’Amministrazione comunale perché gli Ordini professionali tecnici venissero informati di Bandi o Avvisi riguardanti tematiche relative a urbanistica, lavori pubblici, ambiente, mobilità) – sottolineano dal Consiglio dell’Ordine – rileviamo che, vista la specificità delle competenze e delle proposte progettuali da produrre, i dieci giorni concessi per la presentazione delle candidature siano assolutamente da considerarsi risibili e non adeguati a quanto richiesto nell’Avviso.

Inoltre la modalità di consegna delle domande che dovranno pervenire esclusivamente a mezzo postale o con consegna a mano al Comune di Taranto, riduce di fatto il tempo a disposizione per i possibili concorrenti».

Ecco perchè gli architetti chiedono «con urgenza di riconsiderare il termine ultimo di presentazione delle candidature (attualmente previsto per le ore 12 del 24 dicembre) con tempi e modalità più congrui alla complessità di quanto richiesto dal Comune di Taranto, al solo fine di garantire la più ampia partecipazione e la massima trasparenza come da direttive Anac e nell’interesse supremo del civico Ente». L’Ordine degli architetti, infine, rinnova l’invito a «comunicare ogni Avviso e/o Bando pubblico di interesse per le categorie da noi rappresentate sempre nello spirito di massima collaborazione più volte ribadito tra ordini professionali e Comune di Taranto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche