20 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 20 Ottobre 2020 alle 06:40:48

Cronaca

Camionisti stanchi, raffica di controlli e multe

La Polizia Stradale in una sola giornata ha contestato 12 violazioni


Camionisti troppo stanchi al volante: controllati 25 veicoli, contestate 3 violazioni dei tempi di riposo e 9 dei tempi di

guida. E’ il bilancio dei controlli eseguiti dalla Polstrada mercoledì mattina all’ingresso della A/14. I servizi degli agenti diretti dal dottor Nicola Manzari, sono stati effettuati nell’ambito del contrasto dell’illegalità nel settore dell’autotrasporto. Siglato un protocollo d’intesa siglato tra il Ministero dell’Interno e delle Infrastrutture e dei trasporti per contrastare il fenomeno. Specializzata nel controllo del cronotachigrafo analogico e tachigrafo digitale la Polizia Stradale svolge periodicamente mirati controlli con dispositivi particolari come il Police Control (computer con software specifici) su la regolazione dell’attività di guida dei conducenti professionali alla guida di veicoli adibiti al trasporto merci e al trasporto di passeggeri.

I controlli mirano a garantire l’armonizzazione delle condizioni di concorrenza dei trasporti su strada e il miglioramento delle condizioni dei conducenti (affaticamento e stanchezza) e della sicurezza stradale in generale relativo sempre l’ obiettivo di diminuire gli incidenti stradali. La normativa prevede in particolare, per i conducenti professionali, controlli su tempi di guida massimo per giornata e settimana e obbligo del conducente di effettuare determinati periodi di riposo. Nell’anno appena trascorso sono stati controllati 2465 veicoli trasporto merci/passeggeri. Dai controlli sono scaturite per il solo cronotachigrafo 172 infrazioni specifiche riguardanti i tempi di guida e periodi di riposo del conducente professionale nonché violazioni per alterazione del cronotachigrafo , solitamente effettuati con congegni elettronici atti ad alterare le registrazioni, al fine d’ingannare gli operatori di polizia preposti al controllo, ma soprattutto a discapito della sicurezza stradale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche