20 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Ottobre 2021 alle 22:59:00

Cronaca

Lotta all’abusivismo e alla contraffazione, sequestrati 11 milioni di articoli

Le operazioni della Guardia di Finanza


Il comando regionale della Guardia di Finanza ha disposto un piano di interventi finalizzato a prevenire e reprimere il fenomeno della contraffazione e dell’abusivismo commerciale.

L’operazione ha registrato l’esecuzione di ben 161 interventi, nel corso dei quali sono stati sequestrati circa 11 milioni di articoli, con la denuncia di 69 soggetti all’autorità giudiziaria.L’attività ispettiva ha evidenziato un’incidenza maggiore di irregolarità per alcune tipologie di prodotti: 6,6 milioni di articoli nel settore dell’abbigliamento ed accessori, 2,6 milioni di articoli nel settore dei beni di consumo e 800 mila articoli di elettronica, risultati contraffatti ovvero ritenuti dannosi per la sicurezza dei consumatori e, quindi, sottoposti a sequestro.

Dall’inizio dell’anno, i reparti operativi impiegati nello specifico settore hanno effettuato 1.267 controlli su tutto il territorio regionale, con 877 soggetti denunciati, 482 sanzioni al consumatore, con oltre 25 milioni di articoli contraffatti o ritenuti non sicuri posti sotto sequestro.A conferma del ruolo di centralità del Corpo nello specifico comparto operativo, si evidenzia l’utilizzo del portale S.I.A.C. (“Sistema Informativo Anti Contraffazione”), progetto co-finanziato dalla Commissione Europea ed affidato dal Ministero dell’Interno alla Guardia di Finanza, la cui struttura operativa è stata dislocata proprio alla sede di Bari. La recente piattaforma tecnologica consente un’attività di analisi e controllo in tema di contrasto e lotta alla contraffazione, realizzata mediante applicativi che assolvono funzioni informative per i consumatori, di collaborazione tra le istituzioni e le aziende, nonché di cooperazione tra gli attori istituzionali (forze di polizia e polizie municipali), che consente alla Guardia di Finanza di estrapolare una serie di informazioni e di dati statistici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche