12 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Aprile 2021 alle 07:19:17

Cronaca

Attentato a poliziotto. Si segue la pista mafiosa


MANDURIA – Bomba contro la casa di un poliziotto: c’è la pista mafiosa. Raffica di perquisizioni e di interrogatori e la mala è accerchiata. Dopo il vertice presieduto, ieri, dal prefetto Claudio Sammartino, nella sede del Commissariato di Manduria, intensa attività degli investigatori della Questura per incastrare gli autori del pesante atto intimidatorio all’assistente capo del Commissariato. Il movente è collegato all’attività del poliziotto che è impegnato in importanti indagini contro il crimine. Circa tre anni fa un altro attentato simile movimentò la notte di Uggiano Montefusco quando un ordigno fece saltare in aria la macchina di un altro agente di polizia che presta servizio a Manduria.

Quell’episodio fa parte dell’inchiesta della Procura antimafia di Lecce che ha portato il comune messapico ad essere sottoposto a verifica da parte del Ministero dell’Interno per il sospetto di infiltrazioni mafiose. Per questo ieri mattina il prefetto Angelo Ciuni, presidente della commissione incaricata di effettuare l’accesso antimafia ancora in corso, ha preso parte al coordinamento interforze riunitosi a Manduria nella sede del commissariato di polizia su invito del prefetto di Taranto, Claudio Sammartino. Durante la riunione alla quale erano presenti anche il questore di Taranto, Enzo Mangini e i comandanti provinciali dei carabinieri, colonnello Daniele Sirimarco e della Guardia di Finanza, colonnello Salvatore Paiano, oltre al commissario straordinario dell’ente messapico, Aldo Lombardo, è stata tracciata la situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica nella città messapica già colpita da attentati . Nel vertice tenutosi nella sede del Commissariato di Polizia di Manduria state aggiornate le valutazioni emerse anche durante un precedente coordinamento delle forze di polizia in cui si era ravvisata la necessità di rafforzare i controlli su tutto il territorio, utilizzando anche diversi sistemi di videosorveglianza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche