28 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Luglio 2021 alle 23:04:00

Cronaca

Chiede il riscatto per l’auto rubata, ma viene arrestato

L'uomo dovrà ora rispondere di estorsione


Pretendeva un riscatto per restituire una macchina e documenti rubati.

I carabinieri dell’Aliquota operativa della Compagnia di Taranto, hanno arrestato, per estorsione, un 46enne tarantino già conosciuto dalle forze dell’ordine. Le indagini hanno avuto inizio dopo che la centrale operativa del comando provinciale ha ricevuto la telefonata da parte di una donna, che riferiva di essere stata vittima del furto dell’autovettura , una Opel Meriva, all’interno della quale, tra l’altro custodiva anche alcuni documenti personali. Ha riferito inoltre che dopo il furto avvenuto poco prima in pieno centro, era stata contattata un paio di volte da un uomo, che le ha chiesto di 70 euro, per poter riavere i documenti 200 euro per la restituzione della vettura. Il malfattore, dopo la trattativa, ha dato appuntamento alla vittima in una via del centro di Taranto intimandole di presentarsi da sola e con il riscatto. “Vieni da sola e non fare scherzi altrimenti te la faccio pagare” le ha detto. I carabinieri dopo aver tranquillizzato la vittima l’hanno invitata a recarsi nella caserma di viale Virgilio. Successivamente gli investigatori dell’Aliquota operativa hanno avviato le indagini sul tentativo di “cavallo di ritorno”.

I militari hanno pianificato un servizio di appostamento e pedinamento. Hanno seguito gli spostamenti dell’autore dell’estorsione il quale è stato identificato già dopo i primi accertamenti. I carabinieri in borghese si sono mimetizzati tra i passanti e hanno atteso la consegna del denaro da parte della donna. Sono intervenuti nel momento opportuno e hanno bloccato e ammanettato l’uomo con in mano ancora il riscatto. I soldi sono stati recuperati e restituiti alla vittima mentre il quarantaseienne è stato accompagnato in caserma e dichiarato in arresto per estorsione. Le indagini hanno consentito di recuperare l’autovettura che il presunto estortore aveva parcheggiato in una via della borgata di Tramontone. Il 46enne è stato poi condotto nella casa circondariale di Taranto a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche