x

21 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 21 Maggio 2022 alle 06:42:03

Cronaca

Rapinatori sui pullman della Marozzi, Regione in campo sull’emergenza sicurezza

L'intervento del vicepresidente del Consiglio della Regione Puglia, Peppino Longo


“Una settimana fa l’assalto di rapinatori ad un pullman della linea Marozzi sulla linea Taranto-Roma. Poi il blitz malavitoso di un commando composto da una decina di persone armate che ha preso d’assalto un treno merci proveniente da Bari. Due azioni criminali avvenute sempre nei pressi di Cerignola e che in queste ore stanno infangando tutta la comunità pugliese e i cittadini della città nota piuttosto per aver dato i natali a Giuseppe Di Vittorio e da sempre importante centro commerciale e agricolo della nostra regione. Questa ripresa improvvisa e di inaudita violenza delle orrende azioni della criminalità organizzata richiedono un risposta altrettanto dura e immediata da parte delle Forze dell’ordine.

La Puglia che vuole crescere ed essere di diritto uno dei luoghi turistici più accoglienti dell’intera Europa moderna, non può, non deve tollerare. Qui non si tratta più solo di sicurezza del territorio, ma entra con forza la tutela dell’immagine di una regione che non vuole essere mai più definita Far West. La Puglia che noi vogliamo punta sulla crescita sociale, economica, turistica, culturale, isolando e denunciando senza alcuna esitazione chi si affida alla violenza, all’illegalità, chi semina terrore e disperazione”, è quanto denuncia in una nota il vicepresidente del Consiglio della Regione Puglia, Peppino Longo.

“Da qui il mio impegno affinché la Giunta e il Consiglio regionale, possano dibattere di questi avvenimenti con il ministro dell’Interno, Angelino Alfano – sottolinea Longo. Le Istituzioni locali sono pronte a fare la propria parte per mettere in atto al più presto azioni adeguate alla difesa dell’ordine pubblico e della sicurezza dei cittadini, assicurando la giusta risposta alle attese della popolazione in materia di contrasto alla micro e macrocriminalità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche