Cronaca

Dipendente statale si assentava per lavorare nella sua ditta abusiva

Ha abusato dei congedi della 104 e della 151 e utilizzato lavoratori in nero


Un dipendente pubblico avrebbe abusato di congedi straordinari concessi dalla legge 104 sull’assistenza a parenti con disabilità e del decreto legislativo 151 sui permessi retribuiti per assistere figli con handicap gravi per fare l’imprenditore e assumere personale “in nero”.

L’uomo è stato scoperto e denunciato per truffa grazie a una indagine condotta dalla Direzione territoriale del lavoro di Taranto e dai carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro. Secondo l’accusa avrebbe percepito indebitamente dall’amministrazione d’appartenenza 5.520 euro grazie ai congedi straordinari del decreto legislativo 151 (per complessivi 101 giorni) e 655 euro per la legge 104 (per 12 giorni).

L’impiegato, secondo la contestazione della Direzione territoriale del lavoro, avrebbe svolto una attività d’impresa in nero e come tale del tutto sconosciuta sia al fisco che agli enti previdenziali e assistenziali. All’indagato sono state comminate, inoltre, sanzioni amministrative per l’omesso invio all’Inail della denuncia di infortunio capitato a uno dei suoi dipendenti e per l’impiego di lavoratori in nero, con conseguente recupero contributivo. I funzionari della Direzione territoriale del lavoro e i carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro stanno proseguendo in mirati controlli disposti per contrastare le truffe ai danni dello Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche