20 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Ottobre 2021 alle 22:59:00

Cronaca

Cure oncologiche, i numeri del Moscati

I dati diffusi dal Tribunale per i Diritti del Malato


Accesso alle prestazioni diagnostiche entro le 72 ore, all’intervento chirurgico entro 60 giorni dal sospetto diagnostico rilevato in screening, inizio del trattamento di chemio/radioterapia entro trenta giorni dal momento indicato da parte dello specialista.

Sono tre aspetti che rendono positivo il giudizio sull’ospedale San Giuseppe Moscati nell’ambito del Monitoraggio civico sulle strutture oncologiche realizzato da Cittadinanzattiva – Tribunale per i diritti del malato, con il contributo non condizionato di Msd Italia, e presentato a Roma. Sono online su http://www.cittadinanzattiva. it/monitoraggio-oncologie-2016 i risultati raggiunti dalle singole strutture monitorate, “una guida utile per aiutare il cittadino a conoscere i servizi e scegliere dove curarsi”, spiega il Tdm. A livello nazionale, la gran parte delle strutture sanitarie garantisce una adeguata presa in carico dei pazienti oncologici attraverso équipe specializzate, attenzione alla personalizzazione del percorso di cura e rilascio del codice di esenzione già dal sospetto diagnostico nel 50% dei centri.

Non manca una buona comunicazione con il paziente e i familiari, gli spazi nei reparti di degenza e day hospital sono adeguati e confortevoli. Ma l’accesso alle prestazioni diagnostiche non è garantito entro le 72 ore da una struttura su quattro. Per quanto riguarda la struttura tarantina, la “presa in carico” del paziente si realizza già dal sospetto oncologico. Cinquanta sono i posti letto totali; nel report si evidenzia la presenza del Day Hospital oncologico, di Psiconcologia, del Centro di Terapia del dolore e l’assenza di un Reparto oncologico pediatrico. Il Day Hospital è aperto per almeno 250 giorni l’anno, i posti letto in DH sono 20; 25 sono le poltrone a fronte di 403 pazienti presi in carico nel 2015, sempre per quanto concerne il Day Hospital.

Quattordici i pazienti presi in carico nel 2015 dall’Hospice. Riferito all’anno 2015 è anche il dato sui pazienti presi in carico, divisi per patologia: 596 per tumori del sangue, 271 alla mammella, 267 al polmone, 264 al colon retto, 13 alla pelle (melanoma). Il Moscati non appartiene ad una rete oncologica; il Cup ha un’apertura superiore alle 36 ore settimanali, ma non ha orario continuato una o più volte a settimana; la struttura – è sempre quanto emerge dall’indagine del Tribunale per i Diritti del Malato – “garantisce la presa in carico del paziente e ne assicura il mantenimento al termine di ogni ciclo terapeutico” però “non realizza una valutazione multidimensionale dei bisogni del paziente”. Viene garantita al massimo la sicurezza delle terapie farmacologiche.

E’ prevista, spiegano dal TdM, la possibilità di apportare modifiche ai protocolli, utilizzati nelle diverse fasi della cura dei pazienti, per garantire personalizzazione delle cure in funzione di esigenze personali, lavorative o familiari, così come sono presenti linee guida e protocolli per l’attenzione al dolore. Complessivamente, l’ospedale Moscati soddisfa 82 elementi su 119 richiesti nell’ambito delle indagini. Questo mentre, è stato spiegato a Roma, a livello nazionale emergono ritardi e disomogeneità nell’accesso ai farmaci ospedalieri e mancata assunzione del personale dopo l’istituzione delle reti oncologiche. Nota dolente anche la verifica della continuità assistenziale, con percentuali insoddisfacenti – evidenzia il report – per l’assenza della figura del case manager nella metà delle strutture e la mancanza di coordinamento con i medici di medicina generale alla dimissione del paziente.

Da migliorare la valutazione della soddisfazione dell’utenza, come i servizi per il trasporto tra domicilio e ospedale e per rispondere alle differenze culturali, etniche e religiose. Da potenziare anche l’informatizzazione delle procedure, a cominciare dal fascicolo sanitario elettronico disponibile solo nella metà dei casi. Una struttura su quattro non garantisce entro le 72 ore l’accesso alle prestazioni diagnostiche ai pazienti con sospetto di tumore. L’intervento chirurgico viene eseguito in quasi nove strutture su dieci (87%) entro 60 giorni dal sospetto diagnostico, altrettanto (89%) l’avvio del trattamento chemio o radioterapico. Solo il 71% delle strutture prevede monitoraggi delle liste d’attesa e l’invio dei dati alle regioni. “Abbiamo rilevato un’attenzione che semplifica la vita dei malati oncologici, ad esempio quella di garantire, in una struttura su due, l’accesso gratuito a visite e esami, attraverso il riconoscimento dell’esenzione per patologia (codice 048) già al momento del sospetto diagnostico.

E’ necessario renderlo un diritto esigibile per tutti e per questo chiediamo un impegno concreto di ministero e Regioni anche all’interno dei Lea”, commenta Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tdm/ Cittadinanzattiva. “Maggiori garanzie vanno definite anche sul rispetto dei tempi massimi di attesa nell’area oncologica, ad esempio facendone un criterio di valutazione per direttori generali e dipartimentali – prosegue – Ci aspettiamo, inoltre, che il Fondo per i farmaci innovativi previsto in legge di bilancio sia usato per ridurre i tempi di accesso che la disomogeneità per i farmaci oncologici innovativi nelle strutture ospedaliere”. Sono 62 le strutture monitorate in 18 regioni (non hanno aderito i centri di Basilicata, Fvg e Provincia autonoma di Bolzano).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche