24 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Giugno 2021 alle 18:55:18

Cronaca

Il giorno del focus: i contenuti per Taranto

Alla sala ex biblioteca, in via Anfiteatro, l'appuntamento con #tarantocittaviva


Dal manifesto alle proposte concrete per Taranto.

Questo è il focus sui contenuti di #tarantocittaviva che si terrà oggi, sabato 11 marzo, alle 10, nella sala ex biblioteca, al Palazzo del Governo, in via Anfiteatro. Si tratta del prosieguo del lavoro avviato dal nostro giornale con il manifesto #tarantocittaviva, un confronto a più voci al quale hanno partecipato esperti, rappresentanti del mondo imprenditoriale, del commercio, delle associazioni, politici.

L’incontro di oggi si propone di approfondire ulteriormente alcuni punti nodali da cui trarre proposte da mettere a disposizione per avviare un percorso di rinascita della città. Il focus è aperto e si rivolge a tutti, senza distinzioni di orientamento politicoculturale. Del resto, è proprio dalle differenze che si arricchisce una comunità. E Taranto ha proprio bisogno di ritorvarsi innanzitutto come comunità. Il nostro giornale, unico quotidiano di Taranto, con questa iniziativa si propone di offrire un’ opportunità di arricchimento, appunto, una indicazione ai tanti che si candidano per governare la città nei prossimi anni.

Si parte dai cinque punti che hanno costituito il manifesto #taranto cittaviva:

1) la rottura con il passato, con chi ha governato Taranto negli ultimi anni lasciando macerie;

2) la valorizzazione delle nuove generazioni, lo stimolo per i giovani ad essere protagonisti e a spendersi per dare il proprio contributo allo sviluppo della città: sono loro, i giovani, il futuro di Taranto ed è giusto che siano loro ad appropriarsene;

3) il destino della città: va guidata la transizione dalla monocultura dell’acciaio all’industria pulita, di innovazione, che abbia nel porto commerciale e nella logistica il cuore del proprio avvenire economico produttivo;

4) la salute e l’ambiente: dopo decenni di inquinamento pubblico e privato è arrivato il momento di avviare un’azione risarcitoria per la comunità;

5) la rigenerazione: Taranto oggi è una città sfilacciata, non solo socialmente ma anche urbanisticamente.

La nuova amministrazione dovrà ricucire il tessuto urbano e sociale, ripartendeo dalla riqualificazione della Città Vecchia, intorno alla quale riunificare Taranto. L’Isola al centro, dunque, in un disegno complessivo che preveda la riqualificazione del Mar Piccolo, il riutilizzo delle aree dismesse dalla Marina Militare. Se la Città Vecchia deve essere il centro fisico della rinascita di Taranto, il centro ideale non può che essere la cultura, con il ruolo propulsivo dell’Università, la rivitalizzazione degli spazi di vita urbana e collettiva. Tutto ciò di pari passo con lo sviluppo del commercio diffuso e la valorizzazione del water front, che darebbe alla città una dimensione di accoglienza turistica accompagnata da un significativo miglioramento della qualità della vita.

Tutto questo è il manifesto #tarantocittaviva e da questi grandi temi generali si partirà domani per indicare strumenti concreti di intervento, strumenti di governo e di amministrazione. La cittadinanza è invitata a partecipare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche