Cronaca

«Vi spiego perchè il Ponte Girevole si corrode e la Tour Eiffel no»

Transenne e lavori di manutenzione. Parola all’esperto


Perché il Ponte Girevole di Taranto si corrode e cade a pezzi dopo 59 anni, mentre la Tour Eiffel resta integra dopo 128 anni?

“La durata di servizio o la vita di un ciclo di pitturazione anticorrosivo sono direttamente proporzionali al grado di preparazione di superficie effettuato, prima dell’applicazione della pittura, e da una corretta e programmata manutenzione, che evita un decadimento precoce del rivestimento protettivo”. Questo è quanto consigliano insistentemente i maggiori e più accreditati colorifici internazionali.

I “non addetti ai lavori” vedono semplicemente pitturare e/o colorare una struttura in ferro, senza lontanamente immaginare cosa voglia significare: “proteggere il ferro dalla corrosione”. La disinformazione e la disattenzione a questa problematica porta a inevitabili conseguenze quali: riduzione della vita del manufatto trattato (es. Ponte Girevole ed altre strutture metalliche); sicurezza della struttura operativa (es. macchina semovente del parco minerali Ilva, collassata su se stessa per la ruggine) contaminazione e decadenza precoce del rivestimento (es. interno cassoni di bilanciamento, del mercato ittico galleggiante, mai andato in esercizio).

Quanto sopra evidenziato porta anche ad uno sperperare inutilmente i soldi della collettività, chiamata in causa, a sostenere le spese per rifacimenti inutili e maldestri, richiesti e controllati da un ufficio tecnico insufficientemente o totalmente preparato, che non ha nemmeno l’intelligenza e l’umiltà di avvalersi delle conoscenze professionali di tanti cittadini che, senza velleità di potere e di comando, sarebbero disposti a dare per il bene della città. Quando e se si dovesse decidere il rifacimento del Ponte Girevole, sarò ben lieto di indicare le linee guida, con l’avallo dei vari colorifici internazionali, per la stesura di: una corretta specifica tecnica, emissione di procedure, piano di controlli e collaudi, qualifica delle ditte applicatrici, formazione del personale operante, manutenzione programmata, che garantisca la durata della struttura per tanti, tantissimi anni, e che possa rappresentare, con orgoglio, un fiore all’occhiello per la nostra bella Taranto.

Martino Bucci
Ispettore certificato
Ctu del Tribunale di Taranto
Collegio Periti Industriali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche