22 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 22 Ottobre 2020 alle 16:48:29

Cronaca

Salotto vista mare a San Vito

La denuncia di Taranto Turismo


Poltrone e divani abbandonati a due passi dal mare.

Non è la prima volta che nella zona di San Vito si registrano episodi di questo tipo. Questa volta, però, a sollevare il problema sono stati i residenti di viale Jonio, nei pressi dell’albergo ex Garden, dove, nella notte, sono abbandonati diversi divani. I cittadini si sono rivolti, quindi, all’Associazione Taranto Turismo. «Anche questa volta, raccogliamo le lamentele dei residenti di San Vito che si vedono sporcare il quartiere da alcune persone incivili – commenta Irene Lamanna, presidente dell’associazione. Qualcuno, infatti, ha pensato bene di lasciare dei cosiddetti “rifiuti ingombranti” per strada incurante delle regole. Abbiamo immediatamente allertato l’Amiu che, nonostante non abbia l’obbligo di occuparsi di smaltimenti di questo tipo, è intervenuta in maniera tempestiva risolvendo la situazione nell’arco di 12 ore».

L’associazione Taranto Turismo, quindi, rende merito all’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti in città, non mancando di bacchettare gli incivili. «Ringraziamo gli operatori, la dirigenza e la presidenza per il lavoro svolto e chiediamo contemporaneamente ai cittadini, di comportarsi in maniera civile, perché si tratta della nostra città. Vogliamo inoltre ricordare agli stessi che per smaltire i rifiuti grandi, bisogna chiamare il numero verde dell’azienda Amiu e prendere accordi. Rammentiamo anche che se si vogliono portare i propri rifiuti alle isole ecologiche, si otterrà anche uno sgravio sulla tassa della spazzatura. Chiunque non rispetta le regole, non rispetta nemmeno se stesso. È vergognoso dover parlare di queste cose – conclude Irene Lamanna – perchè si tratta di comportamenti che dovrebbero essere alla base del vivere civile. Ci auguriamo che le persone che si sono riconosciute in questa nostra denuncia e nelle immagini che ritraggono i loro rifiuti, abbiano compreso il messaggio».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche