30 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 30 Novembre 2021 alle 22:43:00

Cronaca

Vandali saccheggiano il parco archeologico

È il secondo raid nel giro di un mese

Parco Archeologico di Saturo
Parco Archeologico di Saturo

LEPORANO – Saccheggiato il
parco archeologico di Saturo.
E’ la seconda volta in meno di
un mese: danni per oltre 3mila
euro. “Con la cultura non si
mangia” diceva un ministro
dell’Economia. Poi quando si
finisce nel mirino di ladri e
vandali però diventa drammatico
andare avanti.
Gianluca Guastell, della Cooperativa
Polisviluppo è stanco
e deluso dopo l’ennesima visita
di balordiin un luogo che
senza dubbio rappresebnta un
riferimento culturale e turistico.
Undici anni di gestione
e undici anni di sacrifici per
amore dell’archeologia. Servirebbero
un impianto di videosorveglianza
o un servizio di
guardiania ma soldi non ce ne
sono. “Con la cultura non si
mangia” e allora attività ludiche
e sportive, visite guidate
e laboratori di archeologia
sperimentale si possono offrire
solo grazie all’impegno
della coop di archeologi.
“Il parco è un colabrodo e
i malintenzionati entrano
senza tante difficoltà -sottolinea
Guastella- anche questa
volta hanno colpito duro.
Dopo aver forzato i lucchetti
dei gabbiotti in legno hanno
rubato attrezzi da lavoro e
generatore di corrente. Nelle
settimane scorse hanno danneggiato
gli arredi e divelto
i cavi elettrici. Anche questa
volta presenteremo denuncia
ai carabinieri”. I danni tagliano
le gambe. Troppi sacrifici
e tanti appelli, soprattutto
alle istituzioni. “E’ necessario
l’impegno di tutti- aggiunge
Giastella- per proteggere il
parco archeologico dalle incursioni
dei vandali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche