16 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Aprile 2021 alle 18:03:30

Cronaca

Seviziato con lama rovente

Tre giovani scarcerati dopo il patteggiamento


Con un coltello
da cucina arroventato hanno
seviziato un loro connazionale
per farsi consegnare
una somma di denaro che la
vittima aveva ricevuto come
indennizzo per un infortunio
sul lavoro.

Tre giovani rumeni, tra i
quali una donna, dopo oltre
un anno di carcere sono
tornati in libertà.
Hanno patteggiato un anno
e otto mesi di reclusione.

Si tratta del trentenne L.I.,
del trentaquattrenne V.M.
e della ventisettenne L.P.,
fermati nel febbraio del
2016 per rapina aggravata
e lesioni.
Il terzetto è stato scarcerato
su disposizione del gup
del tribunale di Taranto
che ha accolto la richiesta
avanzata dal collegio
difensivo composto dagli
avvocati Fabrizio Lamanna,
Rosario Orlando e Samantha
Dellisanti.

Più di un anno fa erano stati
gli agenti del Commissariato
di Martina Franca a fermare
i due uomini e la donna di
nazionalità rumena.
Le indagini erano partite
la mattina del 20 febbraio
quando un cittadino rumeno
si era presentato all’ospedale
di Martina Franca con
evidenti segni di bruciature
sul collo e sulle braccia.
Gli agenti, allertati dai
medici del pronto soccorso,
avevano raccolto la testimonianza
del giovane, il quale
aveva raccontato di aver
subito violenze da parte di
suoi tre connazionali.

La vittima, residente a Ostuni
era andata a trovare alcuni
conoscenti, residenti nel
centro storico di Martina
Franca.
Dopo aver bevuto qualche
bicchiere di troppo, i suoi
tre connazionali, venuti a
conoscenza del risarcimento
ottenuto dal ragazzo, lo
avrebbero minacciato e torturato
per farsi consegnare
l’intera somma di denaro.
In particolare sarebbe stata
la donna a provocargli le numerose
bruciature sul collo
e sulle braccia.
I tre erano stati poi individuati
in un appartamento
fatiscente del centro storico
di Martina Franca.
Nell’occasione era stato
recuperato anche il coltello
con evidenti segni di bruciatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche