Cronaca

L’urlo dei 433 volontari: Lo giuro!

Il giuramento a Mariscuola dei marinai in ferma prefissata annuale


I volontari di
Mariscuola giurano fedeltù
alla Repubblica Italiana.

Venerdì i 433 volontari in
Ferma Prefissata annuale
(Vfp1), appartenenti
al 1° incorporamento,
hanno giurato fedeltà
alla Repubblica Italiana
nella Piazza d’Armi della
Scuola Sottufficiali di
Taranto, alla presenza del
Comandante delle Scuole
della Marina Militare,
ammiraglio di squadra
Salvatore Ruzittu e delle
autorità civili, religiose e
militari convenute.

I familiari dei volontari,
giunti in gran numero da
ogni parte d’Italia, hanno
seguito con trepidazione
ed emozione la cerimonia,
culminata nel rituale
“Lo giuro”, a suggello
dell’ingresso ufficiale di
questi giovani nella grande
famiglia marinara: da oggi
anch’essi saranno preziosi
custodi di quei valori e
di quegli ideali che accomunano,
da sempre, tutto
il personale della Marina
Militare.

I volontari hanno scelto
“Kleos” (gloria o fama)
quale nome del corso, impegnandosi
implicitamente
a portare avanti e consolidare
gli insegnamenti ricevuti
cosi come il “discendente”
ha la responsabilità
di portare avanti e consolidare
la “gloria” del padre.
Il motto scelto “post hoc
ergo propter hoc” (dopo
di questo, quindi a causa
di questo) vuole indicare
che la formazione ricevuta
rappresenterà per ciascuno
il punto di partenza e il
fulcro delle scelte future.
I 211 volontari appartenenti
alla categoria
“Marinai” (170 uomini e
41 donne) continueranno
il proprio iter di formazione
presso la Scuola
di Taranto, frequentando
corsi antincendio, antifalla
e di formazione di
base mentre dei 222 volontari
appartenenti alla
categoria “Nocchieri di
Porto” (163 uomini e 59
donne) alcuni raggiungeranno
direttamente la
prima destinazione di
servizio mentre altri frequenteranno
il corso di
specializzazione in Servizio
Difesa Installazioni o
corso di specializzazione
in Maestro di Cucina e
Mensa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche