Cronaca

Capitaneria, guerra agli acquascooter pericolosi


TARANTO – Capitaneria: è guerra agli acquascooter pericolosi che sfrecciano a poca distanza dai bagnanti. Evoluzioni che mettono a repentaglio l’incolumità di chi vuole trascorrere una giornata di relax al mare. E i bagnanti, allarmati, segnalano la situazione di pericolo alla Capitaneria di Porto. Le moto d’acqua che non rispettano le distanze fissate dal codice della navigazione finiscono puntualmente nel mirino della Guardia Costiera. Anche nell’ultimo weekend sono state diverse le contravvenzioni elevate a carico di conducenti di acquascooter, sorpresi a navigare nella fascia dei 200 metri riservata alla balneazione e sprovvisti delle dotazioni minime di sicurezza (nella maggior parte dei casi per mancanza di giubbotti di salvataggio). Nel fine settimana precedente un altro conducente di acquascooter è stato fermato dalla Guardia Costiera nelle acque di San Vito mentre zigzagava pericolosamente tra i bagnanti.

Nonostante la continua attività di vigilanza condotta dai mezzi navali della Guardia Costiera di Taranto, con finalità anche preventive, alcuni conducenti di moto d’acqua ma anche diportisti continuano a non rispettare le più elementari regole di sicurezza della navigazione, a volte mettendo incoscientemente a rischio la propria incolumità o quella dei propri familiari ovvero più in generale degli stessi bagnanti. Complessivamente sono state accertate otto sanzioni amministrative per un importo di oltre 2 mila euro. Continua quindi, incessante, nell’ambito dell’operazione Mare sicuro 2012, l’attività di vigilanza e controllo della Guardia Costiera su tutto il litorale particolarmente affollato da bagnanti, soprattutto durante il fine settimana. Nell’ultimo weekend sono state impiegati due motovedette e due gommonii veloci, nonché quattro pattuglie per i controlli via terra. Il numero di riferimento gratuito per le emergenze in mare è il “1530” attivo ventiquattro ore su ventiquattro, mentre tutte le ordinanze nonché altre utili notizie possono essere reperite sul sito istituzionale della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera – di Taranto (www. taranto.guardiacostiera.it).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche