21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 09:30:12

Cronaca

Piovono multe in viale del Tramonto “Ma non per tutti”


TARANTO – “Contravvenzioni? Sì, ma solo in una ristretta zona”. E’ questa la denuncia di un gruppo di residenti di viale del Tramonto che nei giorni scorsi aveva segnalato numerose infrazioni di turisti o semplici bagnanti che parcheggiano la propria auto incuranti dei divieti di sosta e delle aree riservate ai disabili. “Domenica sono state fatte contravvenzioni – spiega Francesco, uno dei residenti di viale del Tramonto – ma solo in una ristretta zona del viale, visto che numerose automobili hanno continuato a parcheggiare dove non si può. Nonostante i nostri solleciti al centralino della Polizia Municipale per precisare con chiarezza i punti delle infrazioni (auto su strisce pedonali, davanti ai cassonetti, su posti riservati ai disabili, sul marciapiede) ma gli stessi operatori non hanno provveduto a sanzionare”.

Le lamentele dei residenti affondano le radici nella realizzazione di un’area per il parcheggio proprio in una delle vie più frequentate, soprattutto il periodo estivo, della zona di San Vito: viale dei Tramonto. “Le aree di parcheggio erano già presenti e ci sono ancora tra il viale e la spiaggia dove la dimensione della strada lo permette, perchè crearne altre pericolose e anticostituzionali? – si domandano i residenti. Questo parcheggio, creato l’anno scorso, ci impedisce di uscire ed entrare dalle nostre abitazioni e rende il viale ancora più pericoloso anche per l’intensità del traffico”. Secondo i residenti di viale del Tramonto lo spazio libero tra il marciapiede ed il parcheggio sarebbe di 4,50/4,80 metri “ma soltanto quando le macchine sono parcheggiate in maniera corretta. Abbiamo raccolto firme e inoltrato numerosi esposti ma le nostre richieste continuano ad essere puntualmente ignorate dalle autorità che sono deputate al controllo”. Ma quello del parcheggio non è l’unico dei problemi “ci sono locali che da bar si trasformano in pizzeria e discoteca sparando musica ad altissimo volume sino a tarda notte, impedendoci di riposare e creando, quindi, situazioni di forte stress”. Tante le richieste di intervento contenute in una lettera inviata qualche giorno fa alla nostra redazione: “l’immediata eliminazione dell’area di parcheggio (anticostituzionale e pericolosa) con ripristino del divieto di sosta e di fermata su entrami i lati del viale per garantire l’accesso alle nostre abitazioni e soprattutto per garantire la nostra libertà e sicurezza; controllo e vigilanza, con le dovute sanzioni, da parte della Polizia Municipale; creazione di scivoli per disabili sul marciapiede; controllo e verifica dell’effettiva regolarità delle attività commerciali; far rispettare alle attività commerciali le regole riferite ad orari e valori in decibel per la musica; che le Istituzioni facciano chiarezza intervenendo nei confronti di chi non ottempera o ignora la legge”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche