16 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Aprile 2021 alle 18:03:30

Cronaca

Pistola alla schiena e via con l’incasso


TARANTO – Pistola alla schiena del benzinaio e via con l’incasso. Rapinatori in azione intorno a mezzanotte in un’area di servizio d che è situata in viale Magna Grecia. Due banditi, che avevano il volto coperto con caschi da motociclista, hanno minacciato il dipendente del distributore di carburanti con una pistola e si sono fatti consegnare i soldi che aveva con sè, trecento euro. Dopo aver messo a segno il colpo i due malviventi sono fuggiti a bordo di una moto Piaggio Liberty, di colore scuro. Al benzinaio non è rimasto altro che dare l’allarme alla centrale operativa della questura. Sul posto sono intervenuti i poliziotti della Squadra Volante i quali hanno raccolto gli elementi utili per le indagini. Gli investigatori acquisiranno i filmati delle telecamere di sorveglianza della zona. Indaga anche la Squadra Mobile. Nelle ore precedenti altri due rapinatori avevano assaltato “Alter Discount” situato a Monteiasi.

Intorno alle 19.30 i banditi, che avevano il volto coperto da passamontagna, hanno fatto irruzione nel discount e dopo aver minacciato i dipendenti con una pistola si sono fatti consegnare l’incasso ammontante a mille euro. Il colpo è stato messo a segno sotto gli occhi atterriti di diversi clienti. Dopo aver arraffato il bottino i malfattori sono fuggiti. Hanno raggiunto una macchina ferma in zona e guidata da un complice. Sono stati gli stessi dipendenti del supermercato a dare l’allarme alla centrale operativa dei carabinieri e sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Grottaglie. Anche i militari dell’Arma acquisiranno le riprese filmate dei sistemi di videosorveglianza della zona per poter identificare i banditi che hanno preso di mira il discount. I rapinatori non vanno in ferie. Ieri sera due colpi nel giro di poche tra Taranto e la provincia. E gli obiettivi dei malfattori rimangono gli stessi: sono soprattutto distributori di carburante e supermercati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche