Cronaca

Ilva, Adriano Riva rinuncia alla prescrizione

A Milano una nuova richiesta di patteggiamento


Adriano Riva,
fratello di Emilio (ex patron
dell’Ilva morto 3 anni fa),
accusato di bancarotta, truffa
allo Stato e trasferimento
fittizio di valori, nel procedimento
sul crac del gruppo
che controllava il colosso
siderurgico, ha deciso di rinunciare
alla prescrizione che
sarebbe scattata a fine mese
per l’imputazione di trasferimento fittizio nell’ambito
di una nuova istanza di patteggiamento
presentata al
gup di Milano Chiara Valori.

Davanti al gup punteranno
a patteggiare anche Fabio e
Nicola Riva (non hanno presentato
istanze), dopo che lo
scorso 14/2 un altro gup ha
respinto i patteggiamenti per
i tre indagati. Il gup Valori ha
rinviato l’udienza al prossimo 17 maggio in attesa della decisione
della Royal Court del Jersey
sullo svincolo di 1,3 mld di
euro, custoditi in 7 trust e sequestrati
nell’inchiesta. Cifra
che i Riva vorrebbero mettere
sul piatto per i patteggiamenti.
Sul rientro in Italia
di quei soldi destinati alla
bonifica dello stabilimento
dovrà esprimersi il Tribunale
di Losanna il 31 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche