14 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Aprile 2021 alle 06:52:44

Cronaca

L’Arpa “ferma” la gru dell’Ilva

Il provvedimento dell’Agenzia regionale dopo la denuncia dell’Usb


«Chiarezza sulla
gru sequestrata all’Ilva».

Lo
chiede l’Usb che in una nota
denuncia l’episodio avvenuto
nei giorni scorsi all’interno
del siderurgico tarantino. «A
seguito della nostra denuncia,
lunedì scorso, l’Arpa ha
predisposto il fermo della gru
C.M. 14/Bis nel molo Ovest».
Cosimo Todaro e Vincenzo
Mercurio Rls e Rsu di Usb,
nei giorni scorsi, avevano
denunciato che «la gru che
scorre su binari ed è dotata
di fine corsa anticollisione
a microonde verso altre gru
scorrenti sulle stesse vie di
corsa, durante la sua messa
in funzione, evidenziava
delle forti vibrazioni della
cabina».

«Durante il sopralluogo i tecnici
– spiegano dal sindacato
– dopo aver effettuato una
serie di prove, hanno confermato
quanto denunciato,
evidenziato anche delle sfasature
di calibrazione della
corona e del pignone, segno
di un cattivo stato di conservazione
ed efficienza. Tutto
ciò conferma quanto ormai
diciamo da tempo – dichiara
Francesco Rizzo, coordinatore
provinciale Usb -, ovvero
che l’Ilva manca di manutenzione
e quindi rappresenta
un serio pericolo per i lavoratori.
Non vi è sicurezza per
chi opera all’interno dell’azienda
e i dirigenti, che sono
comunque coscienti di ciò
che avviene, fanno orecchie
da mercante. Anche l’Arpa
ha sottolineato quanto una
mancanza di attenzione verso
questa gru, rappresenti un
problema di salute e sicurezza
per i lavoratori. Possiamo
affermare che ogni giorno
c’è una irregolarità che viene
regolarmente denunciata, ma
mai presa in considerazione.
Il fermo della gru è previsto
fino all’eliminazione delle
violazioni rilevate».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche