15 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 15 Ottobre 2021 alle 21:54:00

Cronaca

Rapine a raffica: uno degli imputati chiede i domiciliari

L'uomo è stato condannato a quattro anni e otto mesi ed ha già scontato due anni


Serie di rapine
nel versante orientale:
uno dei condannati chiede
i domiciliari”.

Si tratta
di Giovanni Dimagli che è
stato condannato a quattro
anni e otto mesi e che
ha già scontato due anni.
Il suo difensore, l’avvocato
Maurizio Besio
ha presentato ricorso ai
giudici del tribunale del
Riesame. Il blitz era stato
condotto dagli agenti
della questura. Tre dei
quattro presunti rapinatori
erano finiti in manette
con l’accusa di essere
stati autori di rapine ai
danni di supermercati e
stazioni di servizio.

E’ ritenuto responsabile
insieme a tre complici
di rapine avvenute nel
periodo tra aprile e maggio
del 2015 nel versante
orientale della provincia
jonica, fra Manduria, Fragagnano,
Grottaglie, Sava
e San Vito dei Normanni.
Secondo l’accusa avrebbero
compiuto ben cinque
incursioni avvenute
in supermercati e stazioni
di servizio carburanti accumulando
un bottino
di circa diecimila euro.
La tecnica utilizzata dai
malviventi sarebbe stata
sempre la stessa. I banditi
sarebbero arrivati in
prossimità degli obiettivi
armi in pugno.

Una volta
all’interno degli esercizi
commerciali, avrebbero
esploso dei colpi di arma
da fuoco a scopo intimidatorio,
per darsi poi alla
fuga sempre con un’auto
rubata.
Nel corso delle indagini
era emerso che due dei
componenti degli assalti
sarebbero stati anche
autori di un’altra rapina
ai danni di una coppia di
fidanzati che si era appartata
in auto: nella circostanza
avrebbero rapinato
l’autovettura della coppia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche