22 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Giugno 2021 alle 16:09:36

Cronaca

Pronto il “nuovo” molo polisettoriale

Conclusi i lavori alla banchina e la prima fase dei dragaggi


Completati i lavori
del molo polisettoriale.

Nei
giorni scorsi l’impresa esecutrice
– costituita dall’associazione
temporanea di imprese
composta da Consorzio Stabile
Grandi Lavori S.c.r.l / Impresa
Ottomano Ing. Carmine S.r.l. /
Favellato Claudio S.p.A. – ha
comunicato la conclusione dei
lavori relativi all’ammodernamento
della banchina di ormeggio
al Molo Polisettoriale.
L’intervento, per un importo
di quadro economico pari a 75
milioni di euro, ha consentito
l’adeguamento di 1200 metri
di banchina in testata al
Molo Polisettoriale al nuovo
fondale (-16,50 m) ed alle
sollecitazioni derivanti dalle
navi di ultima generazione e
dalle gru di banchina.

I lavori hanno permesso di
eseguire una prima fase dei
dragaggi dell’area prospiciente
la nuova banchina del Molo
Polisettoriale portando una
fascia di circa 20 metri alla
profondità di – 16.50.
«Al termine del collaudo, che
avverrà entro luglio – fanno
sapere dall’Autorità portuale
– saranno dunque immediatamente
disponibili ben 1.500
metri di banchina (600 metri
già collaudati e già operativi
+ 600 metri in corso di collaudo
+ 300 metri non oggetto di
lavori e già operativi), oltre al
piazzale retrostante, che saranno
subito utilizzabili dalle
imprese portuali e dagli operatori
interessati ad acquisire
in concessione tali beni.

Dal
mese di dicembre 2017, non
appena terminata la vasca di
colmata, inizieranno le ulteriori
operazioni di dragaggio
fino a -16.50 metri della parte
antistante la nuova banchina,
del corridoio d’ingresso e del
circolo di evoluzione delle
navi. La restante parte della
banchina del Molo Polisettoriale
sarà dragata sino a – 15
metri».
Intanto, è stato dato concreto
avvio ai lavori relativi
alla “riqualificazione delle
banchine e dei piazzali in
radice al Molo Polisettoriale”.

«L’intervento, per un importo
di Quadro Economico
pari a 15 milioni di euro, si
sostanzia nel ripristino della
funzionalità delle strutture di
banchina – che necessitano di
interventi di manutenzione
straordinaria – nella riqualificazione
delle aree a terra e
nell’adeguamento degli impianti
elettrici e di drenaggio
delle acque meteoriche alla
normativa vigente. Entrambi
gli interventi sono inseriti
tra quelli di competenza del
Commissario Straordinario per
le opere strategiche nel porto
di Taranto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche