27 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 27 Novembre 2020 alle 09:53:23

Cronaca

Incursione in un ex parco divertimenti per rubare “oro rosso”, preso

I complici riescono a fuggire


Furto di rame in un ex parco
divertimenti: un tarantino
viene preso, i complici fuggono.

I carabinieri dell’Aliquota
radiomobile della Compagnia
di Castellaneta hanno arrestato,
in flagranza del reato
di furto aggravato, violenza
e resistenza a pubblico ufficiale,
un trentanovenne,
incensurato, tarantino.
L’altra notte, dopo una telefonata
arrivata alla centrale
operativa dell’Arma, i
militari sono intervenuti in
un ex parco giochi situato a
Castellaneta Marina e hanno
sorpreso alcune persone
impegnate a tagliare cavi
di rame appena portati via
dalla struttura.

I malfattori,
alla vista dei carabinieri,
si sono dati alla fuga e
approfittando del buio sono
riusciti a dileguarsi nelle
campagne circostanti.
Il trentanovenne, inseguito
dai militari, è stato raggiunto
e bloccato.
Nel corso dell’operazione,
l’uomo ha tentato invano
di opporsi all’arresto strattonando
i militari, ma è
stato comunque bloccato,
ammanettato e condotto
in caserma. Nel corso del
sopralluogo nell’ex struttura
ricettiva, effettuato insieme a personale della
vigilanza privata, sono stati
recuperati circa sei quintali
di rame già tagliati e sfilati
dagli impianti elettrici del
parco che sono stati consegnati
al responsabile della
struttura.

L’arrestato, dopo le formalità
di rito, è stato condotto
presso la propria abitazione
dove dovrà rimanere ai “domiciliari”,
come disposto dal
magistrato di turno presso
la Procura del capoluogo
jonico.
Proseguono le indagini da
parte dei carabinieri della
Compagnia di Castellaneta
per identificare i complici
del trentanovenne tarantino
che ieri l’altro è finito nella
rete mentre rubava il cosiddetto
“oro rosso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche