25 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 25 Gennaio 2022 alle 19:57:00

Cronaca

Droga al rione Tamburi, al via gli interrogatori

Venerdì in 13 dal gip. Sequestrati coca, eroina e soldi


Venerdì gli interrogatori
dei tredici arrestati
nella operazione “Sangue Blu”.

Dal gip il gruppo di presunti
trafficanti di droga che vedeva
al vertice Francesco Vitale, 44
anni, disoccupato e la moglie,
Rosa De Leonardo, 42, casalinga.

Saranno interrogati anche il
40enne Gaspare Bevilacqua,
il 41enne Cataldo Catapano,
il 43enne Francesco De
Bartolomeo, il 49enne Michele
Derchia, il 36enne Alessandro
Masella, il 36enne Girolamo
Masella, il 42enne Angelo
Pizzoleo, il 29enne Alessandro
Castiglione, il 41enne Leonzio
F ontana, il 43enne Tiziano
Galileo, il 46enne grottagliese
Diego Vestita.

Nel collegio di difesa, tra gli
altri, gli avvocati Salvatore
Maggio, Angelo Casa, Marino
Galeandro ed Enzo Sapia.
“Sangue Blu”, il nome dell’operazione,
è legato ad una
conversazione nella quale
Francesco Vitale fa emergere la
propria idea di essere il capo di
una famiglia di rango.
Le indagini dei carabinieri
dell’Aliquota operativa della
Compagnia di Taranto tra il
2014 e il 2016 hanno fatto
emergere un intenso traffico
di stupefacenti soprattutto ai
Tamburi.
Incastrato da servizi di appostamento
e di pedinamento e
da intercettazioni telefoniche
ed ambientali, il gruppo gestiva
un lucroso traffico di
cocaina, eroina e hashish,
che acquistava in provincia di
Napoli e a Bari.
Il denaro veniva utilizzato
per acquistare nuovi carichi di droga oltre che “retribuire”
custodi, corrieri, staffette e
spacciatori.

Nelle indagini è
emersa anche la disponibilità
di armi da parte di Vitale.
Nel corso delle indagini sono
stati eseguiti dai carabinieri
numerosi “riscontri” con perquisizioni
e sequestri a carico
di tossicodipendenti, molti dei
quali giovanissimi.
I più significativi sono: il 5
marzo del 2015, in via Deledda,
gli investigatori hanno
arrestato una persona e rinvenuto
un involucro contenente
cocaina per un peso di un
chilo; il 13 agosto del 2015, in
via Machiavelli, rinvenuto un
involucro contenente eroina
per un peso di 100 grammi; il
20 agosto del 2015, nei pressi
della statale 7 rinvenuto un involucro
con all’interno cocaina
per un peso di un chilo; il 5
settembre del 2015, in via Metaponto,
rinvenuto un involucro
contenente cocaina per un
peso di mezzo chilo. Ieri nelle
abitazioni di quattro indagati
sequestrati 15mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche