Cronaca

Pesca con le bombe, uno degli indagati ai domiciliari

La decisione del Gip del tribunale di Taranto


Blitz Poseydon: ha ottenuto gli arresti domiciliari il 53enne tarantino Giuseppe Caputo.

Il gip lo ha mandato a casa accogliendo la richiesta presentata dall’avvocato Fabrizio Lamanna. A giugno scorso 14 gli arrestati in una operazione di Finanza e Capitaneria di Porto contro la pesca di frodo. Dalle indagini iniziate nel luglio 2015 dopo la telefonata di un cittadino che segnalava alla Guardi Costiera un forte boato in Mar Piccolo, è emerso che gli indagati fabbricavano le bombe con residuati bellici recuperati in mare per poi utilizzarle per la devastazione dei fondali.

Finanza e Guardia costiera durante le indagini hanno sequestrato chili di esplosivo. Il giro di affari della pesca di frodo poteva fruttare fino anche a 500 euro al giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche