31 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 31 Luglio 2021 alle 22:04:00

Cronaca

In due panifici scoperti sei lavoratori in nero

Controlli a tappeto eseguiti dalla Guardia di Finanza


Controlli della
Guardia di Finanza per il contrasto
del lavoro nero.

In due panifici della provincia
di Taranto (di cui non sono state fornite indicazioni utili alla identificazione) le Fiamme Gialle
hanno scoperto 6 lavoratori
in nero.
Nei giorni 2 8 e 29 il comando
regionale Puglia ha disposto
un piano straordinario di interventi
finalizzato a prevenire
e reprimere il fenomeno del
lavoro “nero” e “irregolare”,
nonché le connesse manifestazioni
di illegalità.
Il piano di interventi disposto
dal Comando Regionale Puglia
si colloca nell’ambito della
missione istituzionale del contrasto
all’illegalità economica
e finanziaria, con lo scopo di
tutelare il corretto andamento
del mercato del lavoro.

L’operazione ha registrato
l’esecuzione di 183 interventi,
nel corso dei quali sono stati
scoperti 181 lavoratori impiegati
totalmente “in nero”,
oltre a 20 lavoratori la cui
posizione è risultata “irregolare”,
con la conseguente
verbalizzazione di complessivi
93 datori di lavoro.
Ben 135, invece, sono le posizioni
lavorative ancora in fase di definizione , per le
quali sono necessari ulteriori
accertamenti.

L’attività ispettiva, condotta
trasversalmente nei confronti
di numerose tipologie di
imprese, non ha mancato di
evidenziare talune situazioni
di particolare rilevanza. A titolo
di esempio, si citano i casi
dei due panifici della provincia
jonica dove erano impiuegasti
sei lavoratori in nero, di un
salottificio dell’area murgiana,
dove sono stati scoperti sei
lavoratori in nero, impegnati
nell’attività di fabbricazione
di divani, oppure l’individuazione,
nella provincia di
Foggia, di un’azienda operante
nel settore tessile, presso la
quale sono stati individuati
10 lavoratori in nero.
Dall’inizio dell’anno, nello
specifico settore sono stati
effettuati 665 controlli su
tutto il territorio regionale.
La Guardia di Finanza ha
scoperto 800 lavoratori “in
nero” e 440 lavoratori la cui
posizione risultava comunque
irregolare; 397 i datori di lavoro
sanzionati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche