24 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Gennaio 2021 alle 14:38:43

Cronaca

Estorsione a imprenditore

Soldi per bloccare le richieste di alcuni creditori


PALAGIANELLO – Altri due arresti per estorsione a imprenditore.
I carabinieri della Stazione di Palagianello coadiuvati dai loro colleghi del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Castellaneta al termine di una rapida attività d’indagine, che nei giorni scorsi aveva anche portato all’arresto di Sebastiano La­balestra, hanno notificato provvedimenti restrittivi a Mario De Carlo e Carmelo Guarini, rispettivamente di 55 e 46 anni, entrambi di Palagianelloe già noti alle forze dell’ordine.
Le ordinanze di custodia cautelare emesse dal giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Taranto, dottor Pompeo Carriere, su richiesta del sostituto procuratore, dott.ssa Ida Perrone, hanno recepito in pieno le risultanze investigative dei carabinieri.
Le indagini sono state avviate dai militari della Stazione di Palagianello nello scorso mese di gennaio, quando un imprenditore 52enne, si è recato in caserma e ha denunciato di essere vittima di una estorsione da parte di Labalestra, suo compaesano, che è stato poi arresto lo scorso 1° luglio dai per estorsione continuata. In quella circostanza è stato sorpreso mentre intascava una tangente di 150 euro, che serviva per estinguere un debito contratto dalla vittima con altre persone con le quali Labalestra si era dichiarato disponibile a fare da tramite per soprassedere a successive riscossioni.
Nel corso dell’attività d’indagine gli investigatori hanno potuto accertare, attraverso intercettazioni telefoniche e ambientali e servizi di ap­postamento e pedinamento, che gli arrestati avevano incontrato la vittima, quali emissari di Labalestra e che, dietro pesanti minacce lo avevano costretto a pagare 800 euro. Il danaro doveva servire anche a compensare la loro attività di intermediazione presso i creditori della vittima, con lo scopo di ottenere che gli stessi non esercitassero pressioni per il recupero del credito.
Mario De Carlo e Carmelo Guarini,sono stati condotti nella casa circondariale di Taranto a disposizione dell’autorità giudiziaria tarantina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche