Cronaca

Tornano i vandali e la scuola di Paolo VI resta chiusa

Si sono introdotti nella struttura manomettendo gli estintori e spargendo la polvere in classi e corridoi


Ancora vandali nelle scuole di Paolo VI.

Questa volta ad essere preso di mira è stato il plesso Falcone – Ungaretti. Nel week-end, infatti, un gruppo di vandali si è introdotto nella struttura del quartiere periferico manomettendo gli estintori e spargendo la polvere in classi e corridoi. L’amara scoperta è avvenuta ieri mattina. Il dirigente scolastico, Antonia Caforio, ha immediatamente allertato il Comune e, successivamente, chiesto l’intervento di sanificazione e pulizia straordinaria del plesso scolastico. Una circostanza che ha spinto il sindaco Stefàno a stilare un’ordinanza di chiusura della scuola per i giorni 6, 7 e 8

marzo. Salvo imprevisti le lezioni riprenderanno quindi giovedì 9 marzo. Nelle scorse settimane, invece, a finire le mirino dei vandali è stato il plesso che ospita l’istituto comprensivo Pirandello (di cui fa parte anche la scuola Falcone – Ungaretti). Anche in quel caso si è resa necessaria la sospensione delle lezioni «al fine di consentire alla ditta incaricata e ai collaboratori scolastici di poter svolgere, in maniera adeguata, le operazioni di sanificazione di tutti gli ambienti». Altri raid vandalici si erano registrati tra il 31 ottobre ed il 2 novembre scorso con le stesse modalità di quelli avvenuti nelle ultime settimane. Anche in quel caso il sindaco ordinò la chiusura del plesso di via Giulio Pastore per permettere «l’esecuzione dei lavori allo scopo di consentire l’immediata ripresa delle lezioni in condizioni di sicurezza igienico – sanitaria».

A giugno del 2015, invece, fu la volta dell’ex scuola Ungaretti (sempre al quartiere Paolo VI) da tempo in disuso ed in totale stato di abbandono. In quell’occasione i ladri portarono via infissi e tubi in ghisa del sistema antincendio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche