Cronaca

Getta sotto le auto le dosi di cocaina

Un 38enne arrestato dai “Falchi” vicino a un circolo di via Gorizia


E’ stato trovato in
possesso di cocaina.
I “Falchi” della Squadra Mobile
impegnati nei consueti servizi
antidroga, in via Gorizia hanno
fermato per un controllo
Marco Guarino, tarantino di
38 anni il quale poco prima era
stato notato dai poliziotti entrare
in un circolo ricreativo.

Il trentottenne alla vista dei
“Falchi” con un rapido gesto
ha cercato di disfarsi di un
involucro gettandolo per terra
sotto le auto parcheggiate.
Gesto che non è passato inosservato.

Gli agenti dopo aver fermato
l’uomo hanno recuperato l’involucro
di cellophane che conteneva
due grammi di cocaina.
Hanno poi deciso di estendere
il controllo anche nell’abitazione
di Guarino, peraltro già
noto alle forze dell’ordine per
reati in materia di spaccio di
sostanze stupefacenti.
La perquisizione ha dato esito
positivo.

All’interno di un cassetto della
camera da letto gli agenti in
borghese hanno recuperato
un grammo e mezzo circa
di cocaina, mezzo grammo
di eroina, oltre al materiale
necessario per il confezionamento
delle dosi.
Il 38enne è stato accompagnato
negli uffici della
questura di via Palatucci e
dichiarato in arresto.
Intanto la Polizia di Stato
ha scoperto altrio due casi
di furti in studi dentistici.
Si aggiungono infatti nuovi
episodi alla attività illecita di
due tarantini, Antonio Lupoli
e Salvatore Magnolo, arrestati lo scorso mese di maggio poliziotti del Commissariato
di Martina Franca.
I due, attualmente detenuti,
sono stati ritenuti responsabili
di una serie di furti a studi
dentistici dell’intera regione.
Nella giornata di ieri i presunti
ladri seriali sono stati
nuovamente denunciati perché
ritenuti responsabili di
un furto e di un tentato furto
in studi dentistici di Taranto
e Sava, rispettivamente nel
giugno e nel dicembre dello
scorso anno.
Importante svolta nelle ultime
indagini grazie alla pubblicazione
della notizia del loro
arresto e al racconto del loro
“modus operandi”.
Altri due medici, vittime di
furti analoghi , hanno riconosciuto
i ladri seriali e li hanno
segnalati alla Polizia di Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche