11 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 11 Aprile 2021 alle 08:18:52

Cronaca

I furti in appartamento fanno paura. Nell’ultimo anno sono stati 1.400


TARANTO – I furti fanno paura, soprattutto quelli mesi a segno in appartamento. Dai dati resi noti dal Viminale nel capoluogo ionico sono stati 1403, con una media di 241 per 100mila abitanti. Sulla base degli ultimi dati del Ministero dell’Interno sui reati denunciati all’autorità giudiziaria a Taranto si registra una leggera flessione rispetto all’anno precedente anche se il numero è ancora alto. Taranto resta comunque tra le più sicure in Puglia. Le forze dell’ordine sono sempre in allerta visto che nelle ultime ore hanno preso due ladre d’appartamento, di origine croata. Sono state messe in fuga dalla proprietaria di un appartamento poi sono atte bloccate da un equipaggio della Squadra Volante.

A bordo della loro vettura sono stati rinvenuti un cacciavite, un paio di guanti ed una forbice, mentre nelle borse è stato rinvenuto un calzino solitamente utilizzato come guanto per non lasciare impronte digitali. I poliziotti hanno anche recuperato un pezzo di plastica, dalla forma rettangolare, ricavato da un contenitore per detersivi, abitualmente utilizzato per aprire le porte degli appartamenti. Le due donne sono state accompagnate in Questura dove sono stati eseguiti accurati accertamenti sulle loro identità personali.Da sottolineare che su tutto il territorio nazionale comunque sono tornati a crescere i reati nel 2011, visto il forte incremento di furti, scippi e rapine. Nel 2011, dopo tre anni di flessioni, c’è stata una inversione di tendenza dei reati, con un +5,4% rispetto al 2010. I furti nelle case sono aumentati del 21%, arrivando a quota 205mila, mentre le rapine sono cresciute del 20,1%, superando la soglia di 40mila, “con i negozi che hanno sostituito le banche come bersaglio”. I borseggi (134mila) e gli scippi (quasi 18mila) sono aumentati rispettivamente del 16% e del 24%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche