Cronaca

«Politica e sindacati uniti per evitare i licenziamenti»

Mimmo Lardiello, coordinatore regionale del movimento giovanile di Forza Italia, interviene sulla vertenza


«L’ultimo incontro tra i sindacati di categoria e la direzione aziendale del Teleperformance non porta a sperare nulla di positivo. I timori dei sindacalisti sono stati purtroppo confermati dalle intenzioni palesate dall’azienda, che pensa di affrontare il periodo di attuale crisi mandando a casa ottanta interinali e demansionando il personale di staff».

Mimmo Lardiello, coordinatore regionale del movimento giovanile di Forza Italia, interviene sulla vertenza sindacale che, in un contesto come quello tarantino, assume contorni ancor più preoccupanti. «Già nei giorni scorsi avevamo appreso delle condizioni di lavoro inaccettabili all’interno di un altro call center. Essere pagati 2,50 euro all’ora significa vedere lesa la propria dignità, che invece dovrebbe essere valorizzata attraverso il lavoro. Il Governo, ma anche la Regione e il Comune devono fare la loro parte in un settore che in realtà non è stato mai oggetto di grande attenzione da parte della politica.

E’ evidente che, in questa situazione, solo azioni portate avanti di concerto possono rivelarsi vincenti. Politica e sindacati insieme per evitare una ulteriore perdita di posti di lavoro. Vorrei fare un particolare cenno alle donne, che a giusta ragione non intendono rinunciare alla maternità, ma che fanno i conti ogni giorno con moltissime difficoltà di gestione dei tempi e dei ruoli all’interno della famiglia e della società».

Mimmo Lardiello esprime infine la sua vicinanza ai lavoratori di ogni settore che, in questo particolare momento storico, vivono l’ansia e il timore di perdere la propria indipendenza economica. «Le diatribe interne ai partiti non appassionano più! Bisogna cercare soluzione ai problemi di ogni giorno. Ascoltare la gente. L’augurio è che da questa campagna elettorale possa uscire il meglio in termini di risposte ai cittadini».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche