Cronaca

Si barrica in casa con un coltello e minaccia agenti e vigili

L'uomo era in preda ad una crisi di nervi


Armato di coltello di barrica in casa: arrestato dalla Polizia di Stato.

L’uomo ha aggredito gli anche agenti entrati nell’appartamento per calmarlo. I poliziotti della Sezione Volante sono piombati nei pressi di uno stabile del centro cittadino dove era stato segnalato un uomo di cinquantasei anni, che in preda ad una crisi di nervi si era barricato in casa armato di un coltello a serramanico. Nei momenti che hanno preceduto l’arrivo dei poliziotti, già due vigili del fuoco erano entrati nell’abitazione passando per una finestra. Dopo aver sbloccato rapidamente la porta d’ingresso, chiusa dall’interno da un attaccapanni messo a contrasto, erano riusciti a sfuggire all’esagitato che sbucato dal buio, sempre armato di coltello, aveva cercato di aggredirli. Quest’ultimo, che nel frattempo aveva compiuto atti di autolesionismo, ferendosi con il coltello, era poi uscito sul pianerottolo aveva minacciato gli agenti ed era rientrato in casa, dimenticandosi però di chiudere la porta d’ingresso. I poliziotti dopo qualche minuto, approfittando della porta lasciata aperta, hanno deciso di entrare nell’appartamento per scongiurare il peggio.

Due agenti sono stati aggrediti dall’uomo e fortunatamente nel corso della colluttazione sono riusciti a disarmarlo e a renderlo innocuo, pur riportando alcune lievi lesioni. Il 56enne dopo le prime cure dei sanitari del 118, arrivati successivamente sul posto, è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale “Ss. Annunziata” per tutti gli accertamenti clinici necessari dai quali è risultato che aveva assunto alcol e sostanze stupefacenti. Dopo essere stato dimesso dall’ospedale l’uomo è stato accompagnato negli uffici della questura e dichiarato in arresto per tentato omicidio e resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Il coltello con il quale ha compiuto atti di autolesionismo e ha aggredito i vigili del fuoco prima e i poliziotti poi, è stato sequestrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche