06 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 06 Maggio 2021 alle 15:58:04

Cronaca

Rubano carico d’uva. Inseguiti e arrestati

Nel mirino un vigneto in contrada Accetta


TARANTO – Rubano tre quintali e mezzo di uva ma vengono sorpresi dai carabinieri.
I militari del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Massafra hanno arrestato per furto aggravato Massimo La Neve , 37enne, sorvegliato speciale. e Massimo Schiavone 55enne, entrambi tarantini e già noti alle forze dell’ordine
Gli arresti sono maturati nell’ambito dei servizi finalizzati alla prevenzione e alla epressione dei reati nelle aree di campagna e in particolare nelle zone coltivate a vigneto eseguiti dai carabinieri del comando provinciale in questo particolare periodo dell’anno in cui è tutto pronto per la vendemmia.Intorno alle 15 di ieri, durante una perlustrazione effettuata in contrada Accetta, nelle capagne di Statte, i militari dell’Arma hanno notato un furgone che procedeva a velocità sostenuta e con a bordo due persone.Insospettiti dall’atteggiamento dei due , i carabinieri hanno intimato l’alt al conducente il quale, per tutta risposta, ha accelerato allo scopo di sottrarsi al controllo di polizia. Ne è scaturito un breve inseguimento. Il conducente del furgone è stato poi costretto ad arrestare la marcia. A bordo del mezzo i militari hanno rinvenuto 3 quintali e mezzo di uva da tavola, della pregiata qualità “Crimson”, che i due avevano portato via poco prima da un vigneto situato in contrada Accetta. La Neve e Schiavone , condotti in caserma, al termine delle formalità di rito, sono stati dichiarati in arresto e, su disposizione del pubblico ministero della Procura del capoluogo jonico, dottor Enrico Bruschi, posti ai “domiciliari”.
Il carico di uva è stato recuperato e restituito al proprietario del vigneto mentre a La Neve sono state contestate le violazioni degli articoli 116 e 193 del Codice della strada , in quanto si è posto alla guida del furgone pur essendo sprovvisto di patente, in quanto revocata e perché il veicolo è risultato privo della copertura assicurativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche