04 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 04 Dicembre 2021 alle 17:42:00

Cronaca

Acqua e fogna, lavori in corso a Talsano, San Vito e Lama

Completamento della rete, i prossimi step del Comune


Talsano

In relazione al tema
del completamento delle reti
idrico – fognarie a servizio delle
zone di Talsano, Lama e San
Vito, il Comune ha comunicato
lo stato delle procedure per
l’attuazione delle opere in questione.

Completamento rete
idrico fognaria a servizio della
zona costiera nelle borgate di
San Vito – Lama e Talsano mare
(impianti di sollevamento Via
del Faro e Via Zoche): «Il progetto
in questione predisposto
dall’Acquedotto Pugliese e
pari a 11.482.200 euro prevedeva
– tra gli altri interventi
– anche la realizzazione di n.
2 impianti di sollevamento a
servizio delle aree di Via del
Faro e di Via Zoche, per la
messa in esericizio delle reti di
fognatura già completate e da
completare; con deliberazione
di Giunta n. 107/2011 è stato
approvato in linea tecnica il
progetto preliminare per il
Completamento rete idrico
fognaria a servizio della zona
costiera nelle borgate di San
Vito – Lama e Talsano mare;

con tale deliberazione, l’Amministrazione
comunale ha
assunto l’impegno di rendere
disponibili per l’Aqp le aree
sulle quali realizzare i menzionati
impianti di sollevamento.
La prima delle due aree, quella
sita in Via del Faro – spiegano
dal Comune – è stata acquisita
al patrimonio comunale con
atto di cessione volontaria
(da privati) Rep. 9022 del
24.05.2012, rogato dal Segretario
Generale, e messa a
disposizione dell’Aqp per l’intervento
in questione; la seconda
delle due aree, quella di
Via Zoche, appartiene invece al
Demanio marittimo dello Stato
e la Direzione Lavori Pubblici
ha proceduto a predisporre
tanto gli atti tecnici quanto
quelli amministrativi necessari
a richiede il rilascio della
concessione demaniale ai sensi
dell’art. 34 del vigente Codice
della Navigazione.

Allo stato
entrambe le aree destinare agli
impianti di sollevamento sono
state acquisite al patrimonio e
consegnate all’Aqp. Al fine di
ottenere il titolo di proprietà
di tutte le aree stradali interessate
dagli interventi Aqp,
la Direzione Patrimonio ha
avviato le procedure di esproprio,
procedendo alla presa
in possesso delle stesse aree
e l’Aqp sta adeguando la progettazione
già predisposta al
D. Lgs. 50/2016».
Per quanto riguarda invece
il completamento della fognatura
nera a servizio degli
abitati di Solito – Corvisea il
Comune ha precisato: «in vari
incontri tra i tecnici del Comune
di Taranto e della Autorità
Idrica Pugliese, sono state
affrontate le problematiche
tecniche inerenti la non completa
conformità del progetto
ai disciplinari gestionali, in
particolare per le parti preesistenti
e già realizzate dalla
precedente impresa.

L’Autorità
Idrica Pugliese in merito alle
problematiche tecniche in
argomento, con propria nota
del 10.11.2015 prot. 4660,
acquisita al prot. del Civico
Ente in data 12.11.2015 al n.
0176798, ha individuato un
percorso tecnico-amministrativo
per il superamento delle
stesse, mediante la parziale
rielaborazione della progettazione
effettuata dalla Società
“Serving srl”. La Società incaricata
delle attività professionali
di che trattasi ha depositato
la progettazione esecutiva
tenendo conto di quando
stabilito nel tavolo tecnico di
cui sopra , ottenendo il parere
positivo da parte della società
gestore Aqp spa, determinando
la somma necessaria per eseguire
i lavori in 895.917,09
euro.

La somma è suscettibile
di ulteriore incremento tenuto
conto di ulteriori espropri
da effettuare in quanto le
strade interessate non sono
disponibili al patrimonio comunale,
giusta parere della
competente Direzione patrimonio.
Sono state avviate le
procedure di validazione della
progettazione esecutiva le
procedure amministrative,
con manifestazione d’interesse
e gara informale per la
scelta della società di verifica
della progettazione esecutiva
necessaria per la successiva
validazione della stessa con la
Società “Icover srl” corrente
in Cosenza via L. Miceli, 62 – P.
Iva 02860290788, per l’importo
di 3.392 euro al netto
del ribasso d’asta ed oltre Iva
come per legge».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche