Poliziotti in strada e Vigili urbani a casa | Tarantobuonasera

09 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 09 Dicembre 2021 alle 08:45:00

Cronaca

Poliziotti in strada e Vigili urbani a casa

Il sindacato di Polizia di Stato ha incontrato il sindaco. Allo studio turni e assunzioni


Il Siulp jonico incontra
il sindaco Melucci.

L’altra mattina,
una delegazione del Siulp,
composta dal segretario generale
provinciale Antonio Digregorio,
affiancato dal segretario provinciale
Marco Bruno e dal segretario
regionale Aldo Vozza, è stata
ricevuta dal primo cittadino, che
ha risposto di persona ai quesiti
posti attraverso una nota dell’11
agosto scorso, in cu «rappresentavamo
il forte disagio dei
dipendenti della Squadra Volante
che, nelle ore serali e notturne,
devono far fronte all’attività
di rilievo dei sinistri stradali,
soccombendo alla cronica mancanza
di personale della Polizia
Locale, questione quest’ultima
che rende decisamente critico il
mantenimento della sicurezza in
città e mina drasticamente il raggiungimento
di precisi obbiettivi
nell’ordine della salvaguardia del
cittadino che va difeso da insidie
e crimini».

«Abbiamo ribadito come – si legge
in una nota del Siulp – anche
alla luce del decreto sulla sicurezza
urbana (cosiddetto decreto
Minniti) di recente approvato al
Senato, è assolutamente necessario
da parte del sindaco, un
suo autorevole interventonei
confronti del Comandante dei
Vigili Urbani di Taranto oltre che
precisi atti di indirizzo della sua
squadra di governo volti ad una
previsione di spesa che consenta
a breve termine, l’assunzione di
nuovi agenti della Polizia Locale
da dislocare sul territorio. L’attuale
organico dei Vigili Urbani,
si aggira intorno alle 163 unità,
ma nonostante il cospicuo numero,
non riesce a garantire sul
territorio turni h24.

Il nostro
intervento, a livello locale unico
nel suo genere e che riscontra sul
tema, “l’assordante silenzio” da
parte di tutte le altre sigle sindacali
della Polizia di Stato, mira
ad ottenere un rafforzamento
dell’attività di polizia espletata
su una vasta area cittadina, la
seconda tra le provincie della
Puglia con una popolazione di
circa 200mila abitanti». In tale
ottica, il Siulp, ha coinvolto le
«massime Autorità responsabili
della sicurezza a livello provinciale
e ha chiesto al Prefetto e
al Questore di Taranto, interventi
appropriati che mirano a sollevare
le Volanti, da incombenze
diverse da quelle per cui si è
preposti, nell’ottica del coordinamento
delle forze di polizia
del territorio di cui alla Legge
121/81. Dopo aver preso atto sia
delle direttive che delle criticità
a cui sono costrette le pattuglie
della Polizia di Stato operanti sul
territorio.

Il sindaco, ha convenuto
con noi che tale situazione,
incide inevitabilmente sulla
sicurezza globale della nostra
città, poiché sottrae uomini al
delicato compito del controllo
del territorio ed al pronto intervento
al quale la Polizia di
Stato è chiamata a far fronte.
Melucci – prosegue la nota del
sindacato di Polizia – avendo a
cuore le sorti della sicurezza in
seno alla città da lui governata,
ha assicurato due interventi:
uno volto alla soluzione a breve
termine dell’annoso problema
cercando di applicare turni di
reperibilità dei vigili ed uno per
il medio termine che miri ad
accelerare le incombenze legate
al Bando di Concorso per l’immissione
al ruolo di nuovi agenti
della Polizia Municipale potendo
così contare su un bacino delle
risorse umane più ampio che faccia
fronte in maniera definitiva,
alla materia dell’infortunistica
stradale.

Nel corso della proficua
riunione – aggiunge il segretario
generale Antonio Digregorio –
abbiamo potuto registrare una
piena disponibilità oltre che un
atteggiamento di vicinanza da
parte sua che si affianca alla manifesta
volontà espressa sia dal
signor Prefetto di Taranto che dal
signor Questore di Taranto che
nell’ambito delle loro funzioni, si
stanno impegnando alacremente
per una risoluzione definitiva e
di questo esprimiamo una sentita
riconoscenza oltre al fatto
che siamo compiaciuti che nel
gioco di squadra e nell’ambito
delle prerogative e delle funzioni
di ognuno, vi sia un percorso
unico, con un’unica direttrice
che mira al raggiungimento di
un obbiettivo comune. Prima di
congedarci dal sindaco Melucci,
abbiamo ribadito che è necessario
investire sulla sicurezza urbana,
atteso che vi è un binomio
imprescindibile che accomuna lo
sviluppo economico, alla società
in cui esso si espande».

Secondo
il Siulp, infatti, «non potrà mai
esserci sviluppo e crescita del
territorio, senza che si possa
esprimere al meglio lo stato
di sicurezza che passa anche
e soprattutto, attraverso una
sicurezza partecipata e con la
collaborazione effettiva e non
fittizia di tutte le forze in campo,
compresa quella locale, a tutto
benefico dei cittadini tarantini».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche